Consiglio regionale, accordo unanime sulla risoluzione dei lavoratori Tecnocall

Aggiornamento - Tecnocall L'aquila, Pietrucci: “Approvata risoluzione, salvaguardare livelli occupazionali”

di Redazione | 12 Dicembre 2023 @ 18:35 | ATTUALITA'
UNANIMITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Votata all’unanimità la risoluzione urgente in merito alla salvaguardia dei livelli occupazionali del call center “Tecnocall” dell’Aquila.

Il documento è stato sottoscritto dai consiglieri Pietrucci (PD), Verrecchia (FdI) e Santangelo (FI).

La risoluzione impegna il Presidente della Giunta e il Presidente del Consiglio regionale a farsi portavoce, attraverso l’interessamento del governo nazionale, di soluzioni normative che garantiscano la continuità lavorativa del personale impiegato addetto all’attuale servizio di contact center all’interno dell’azienda e a utilizzare ogni strumento idoneo al fine di ripristinare l’art 36 ter del decreto legge 4 maggio 2023 n.48 convertito con legge 3 luglio 2023, n.85 (proroga dei termini in materia di lavoro agile).

AGGIORNAMENTO

Tecnocall L’aquila, Pietrucci: “Approvata risoluzione, salvaguardare livelli occupazionali”

L’AQUILA – “È stata approvata in aula la mia risoluzione, scritta di concerto con i sindacati, per impegnare il presidente Marco Marsilio, la Giunta e il Consiglio regionale a farsi portavoce e promotore, attraverso l’interessamento del ‘suo’ governo Nazionale, di soluzioni normative, che garantiscano la continuità lavorativa per i 117 lavoratori, impiegati a L’Aquila nel servizio di contact center all’interno dell’azienda Tecnocall e a utilizzare ogni strumento idoneo al fine di ripristinare la clausola sociale”.

Così, in una nota, il consigliere regionale Pd Pierpaolo Pietrucci, che aggiunge: “La salvaguardia dei livelli occupazionali nelle more della successione del contratto di appalto coincidente al passaggio da un regime all’altro di mercato, avrebbe dovuto già consentire, con la previsione della clausola sociale, la necessaria tutela delle lavoratrici e dei lavoratori nella fase di transizione: così non è stato allorquando, pochi giorni fa, il governo ha abrogato l’emendamento di luglio scorso”.

“Stamattina i sindacati, le lavoratrici e i lavoratori di Tecnocall sono venuti in Consiglio regionale reclamando giustamente attenzione da parte degli enti territoriali, in particolare di chi ha la responsabilità di governo, sia esso regionale, che locale. Sempre pronto a essere a disposizione dei lavoratori, non potevo che adoperarmi pancia a terra per trovare uno strumento consiliare che potesse dare loro ascolto e voce”.

“La battaglia non è finita, anzi, c’è bisogno che prima della fine di dicembre si trovi il modo per ripristinare la clausola di salvaguardia lavorativa per tutti gli operatori di questa commessa; a L’Aquila siamo in una piena emergenza lavorativa e proprio in termini emergenziali dobbiamo aggredire la questione per risolverla”, conclude.

AGGIORNAMENTO

Il dramma di fine anno, il primo passo per la risoluzione

L’AQUILA – “Le lavoratrici ed i lavoratori Tecnocall in mobilitazione permanente oggi hanno riempito il Consiglio Regionale.

Hanno chiesto ascolto.

Hanno chiesto atti formali alla classe politica regionale. Ne è scaturita una risoluzione presentata dal consigliere Pietrucci e fatta propria dai Consiglieri Verrecchia e Santangelo. La stessa impegna formalmente il Presidente della Giunta della Regione Abruzzo, Marco Marsilio ed il Presidente del Consiglio Lorenzo Sospiri, a farsi promotori di ogni azione utile alla garanzia dei livelli occupazionali e salariali delle lavoratrici e dei lavoratori coinvolti nella farsesca vicenda. Alla fine del dibattito la risoluzione ha trovato consenso unanime del Consiglio Regionale. Tale provvedimento è solo un primo passo di un percorso di mobilitazione che certo non si ferma e non può fermarsi. Va disinnescato il potenziale dramma sociale che impatta su più di cento famiglie. Va riconquistata in pieno la garanzia di continuità occupazionale, va superato l’ostacolo posto alla piena vigenza della clausola sociale. Va riconquistato un diritto di civiltà del lavoro in un rapporto impari nei confronti di lobby potenti. Oggi siamo avanguardia in un confronto tra titani. Abbiamo bisogno di alleanze, le abbiamo cercate, le continueremo a cercare, ma alla fine del percorso ognuno dovrà confrontarsi con le lavoratrici ed i lavoratori. Non è il tempo delle promesse di facciata. E’ il momento della responsabilità, verso il territorio e la sua comunità.

Domani è un altro giorno, domani continuerà la lotta, ci fermeremo solo quando avremo vinto”.

Così in una nota le sigle sindacali

SLC – CGIL Sindacato Lavoratori Comunicazione

FISTel – CISL Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni

UILCOM – UIL Unione Italiana Lavoratori della Comunicazione


Print Friendly and PDF

TAGS