Consiglio comunale: Daspo urbano e agricoltura

Polemica sulle scuole. Un odg per il trentennale dell'ultimo scudetto del rugby

di Alessio Ludovici | 06 Febbraio 2024 @ 05:40 | POLITICA
daspo urbano
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Di tutto un po’, ieri, in consiglio comunale. Il provvedimento più importante è stata la modifica al regolamento di polizia urbana. Con le modifiche proposte dall’assessore alla Polizia municipale, Laura Cucchiarella, si inseriscono nel regolamento le misure a tutela e sicurezza del decoro urbano in particolari luoghi, i divieti di accesso e gli ordini di allontanamento, misure che potranno essere applicate a tutto il centro storico.

“Dopo l’approvazione da parte della giunta comunale e il parere favorevole espresso da parte della quarta commissione consiliare – ha spiegato l’assessore Cucchiarella – il voto favorevole del Consiglio comunale odierno determina l’ampliamento delle aree all’interno delle quali sarà possibile comminare la misura del daspo urbano

“Abbiamo infatti allargato a tutto il centro storico, compreso entro le mura, il perimetro dell’applicabilità del daspo – ha proseguito l’assessore Cucchiarella – con particolare attenzione anche alle fermate del trasporto pubblico, agli ospedali ed alle cliniche oltre che agli studi medici. Il provvedimento si estende anche alle aree antistanti i plessi scolastici, ai parchi e giardini pubblici ed al parcheggio del mercato di Piazza d’Armi. Importante sottolineare l’attenzione rivolta anche alle frazioni. Il daspo urbano, infatti, potrà essere applicato anche per comportamenti illegali tenuti in tutte le piazze delle frazioni. L’integrazione del regolamento della polizia urbana, deliberato oggi dall’assemblea consiliare, unito all’importante progetto in via di realizzazione della videosorveglianza, contribuirà a scongiurare le intenzioni di chi nella nostra città manifesta tangibilmente l’intento di tenere comportamenti che vanno contro la legge”. Contrarie le opposizioni.

Sempre a proposito di sicurezza, in apertura dei lavori è stata la consigliera Claudia Pagliariccio, ne parliamo qui, a prendere la parola per chiedere all’assise di attenzionare il fenomeno dei furti negli appartamenti.

Approvate anche due delibere con le quali vengono disposte in via definitiva le acquisizioni al patrimonio comunale delle aree in cui fu realizzato il parcheggio della sede provvisoria post terremoto 2009 del palazzo di giustizia, nel nucleo industriale di Bazzano, e per l’ampliamento della Resa (area di sicurezza di fine pista) oltre il fronte nord dell’aeroporto di Preturo.

L’Aula ha inoltre espresso parere favorevole per il mutamento di destinazione d’uso e la vendita di terreni nel demanio civico di Tempera e per la permuta di aree tra il Comune e la parrocchia di San Marco Evangelista di Preturo, ai fini dell’allargamento della carreggiata di una strada della stessa frazione di San Marco di Preturo.

Duro botta e risposta tra l’assessore Francesco De Santis e la consigliera Simona Giannangeli, L’Aquila Coraggiosa, che interrogava l’amministrazione sulla sicurezza dell’edilizia scolastica dopo le ultime scosse di terremoto.

Cinque gli ordini del giorno approvati. Con uno di Paolo Romano, L’Aquila Nuova, viene chiesto l’impegno dell’amministrazione attiva a farsi portavoce presso la Regione affinché venga modificato il regolamento della polizia locale “così da risolvere criticità amministrative da più parti sollevate”. Il documento, inoltre, sottolinea, tra l’altro, la necessità che il regolamento stesso riconosca agli appartenenti alla polizia locale in servizio la progressione di grado acquisita nella propria carriera professionale, senza penalizzazioni e retrocessioni.

Gli altri provvedimenti.

Il giorno del ricordo

Disco verde anche all’ordine del giorno relativo alla giornata del Ricordo del 10 febbraio, a firma Claudia Pagliariccio e Livio Vittorini, Fdi. Il documento, precisando che occorrerà la condivisione della terza commissione consiliare (Politiche sociali, culturali e formative), impegna l’amministrazione comunale “a organizzare e promuovere ogni anno, in occasione del ‘Giorno del Ricordo’, in collaborazione con il Comitato 10 febbraio e con le altre associazioni interessate, iniziative volte a mantenere viva la memoria.

“L’ordine del giorno – spiegano Pagliariccio e Vittorini – nasce dall’esigenza di dare piena attuazione alla legge n. 92 del 2004, che ha istituito la ricorrenza del Giorno del Ricordo. L’amministrazione comunale ha già dato prova di essere particolarmente sensibile al tema, ma abbiamo ritenuto di fornire un contributo positivo e costruttivo sulla questione, insistendo in particolare su due aspetti: l’organizzazione di eventi nelle scuole di ogni ordine e grado, esplicitamente prevista dalla legge ma ancora oggi spesso trascurata, e la valorizzazione delle testimonianze e della ricerca storica sull’accoglienza ricevuta dagli esuli giuliano-dalmati nella nostra città.”

Il contrasto ai disturbi alimentari

Approvato anche l’ordine del giorno di Stefania Pezzopane (Pd) per sollecitare l’amministrazione a “esprimersi formalmente nei confronti del Governo e della Regione affinché si provveda, nel più breve tempo possibile, al rifinanziamento del fondo per il contrasto ai disturbi della nutrizione e dell’alimentazione e all’emanazione dei decreti attuativi necessari per l’inserimento dei disturbi alimentari nei livelli essenziali di assistenza”.

La protesta degli agricoltori

Chiede l’impegno dell’amministrazione “nei confronti del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste” l’ordine del giorno presentato da Laura Cococcetta (L’Aquila Futura), sottoscritto anche da Elia Serpetti (Il Passo Possibile), “affinché siano ascoltate e sostenute le ragioni dei nostri agricoltori in sede europea, salvaguardando un settore strategico della nostra economia e del nostro futuro”. “Esprimiamo viva soddisfazione – il commento di Laura Cococcetta e Daniele D’Angelo – per l’approvazione, avvenuta all’unanimità, da parte del consiglio comunale sull’ordine del giorno da noi presentato in materia di politiche agricole.

Il rugby cittadino

Su proposta di Vittorini, infine, il Consiglio comunale ha approvato l’ordine del giorno che invita ad allestire manifestazioni e celebrazioni per i 30 anni dall’ultimo scudetto dell’Aquila Rugby (vinto a Padova nella finale con il Milan, con il punteggio di 23 a 14, il 23 aprile 1994), “con particolare attenzione e coinvolgimento dei settori giovanili delle varie società sportive rugbistiche del nostro territorio”

Ok anche all’ordine del giorno, primo firmatario il consigliere Fdi e presidente di I Commissione Livio Vittorini, approvato all’unanimità dal Consiglio comunale, con il quale si impegna l’amministrazione a celebrare e onorare L’Aquila rugby e il suo ultimo, indimenticabile, scudetto, conquistato il 23 aprile 2004 nella finale contro il Milan allo stadio del Plebiscito di Padova.

“Le immagini di quel match, i colori, la città festante che accolse il pullman dei giocatori in Piazza Duomo, i ricordi di un trionfo senza tempo sono marchiati a fuoco, con i colori neroverdi, nelle menti e i cuori della città e degli aquilani. – ha commentato il consigliere Vittorini – A trent’anni da una vittoria epica, e per certi versi forse irripetibile, ho ritenuto fosse importante omaggiare quell’impresa e i suoi protagonisti, attraverso iniziative che concorderemo con le società rugbistiche del territorio coinvolgendo i rispettivi settori giovanili. L’obiettivo è quello di provare a far rivivere le emozioni di quel giorno a quanti c’erano, a Padova o attaccati alle radioline, e far conoscere ai ragazzi una parte della storia dello sport di questa terra”.


Print Friendly and PDF

TAGS