Consiglio comunale, approvato il nuovo Piano del Commercio del Comune dell’Aquila

di Alessio Ludovici | 16 Ottobre 2020 @ 14:55 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – E’ stato approvato questa mattina il nuovo piano del Commercio del Comune dell’Aquila. Uno “strumento programmatorio” – ha ricordato l’assessore al Commercio Raffaele Daniele, con gli obiettivi, si legge nella delibera, di “integrazione della programmazione commerciale con la pianificazione territoriale ed urbanistica”, di “valorizzazione della funzione commerciale quale elemento di riqualificazione del tessuto urbano e del centro storico”, per la “realizzazione di una rete distributiva che miri ad assicurare la qualità della vita della popolazione”.

Il nuovo piano regolamenta tutte le forme di commercio, all’ingrosso, e al dettaglio, la somministrazione di alimenti e bevande, le attività fieristiche, il commercio su aree pubbliche. L’approvazione arriva all’esito di una lunga crisi comunale che proprio su una delibera commerciale aveva avuto il suo punto di innesco. Oggi, però, il regolamento passa anche con il voto favorevole anche della Lega. Diverse le critiche dall’opposizione, per la mancanza di una discussione più approfondita con la città secondo Stefano Albano del Pd, o per la mancanza degli altri strumenti di pianificazione, il Prg ad esempio, o l’esatta collocazione delle scuole, con i quali il Piano del Commercio avrebbe dovuto essere coordinato a monte, secondo Paolo Romano. Diverse le previsioni del piano, dai limiti alle nuove superfici di vendita di media e grande dimensione alla valorizzazione degli esercizi storici, alla fattispecie del pluri-negozio, dall’attivazione di una Consulta commerciale ai criteri particolari per l’insediamento degli esercizi in centro storico. 

A favore del provvedimento hanno votato 18 consiglieri (dei gruppi Fdi, Forza Italia, Lega, Udc, Benvenuto Presente), 5 contrari (Pd, Articolo 1, Iv, Cambiare insieme).
Il vice sindaco Raffaele Daniele, ha precisato che “il Piano segue e completa il percorso avviato con il disciplinare delle attività produttive per lo sviluppo economico approvato nel 2018, che riguardava specificamente la parte normativa e il funzionamento del Suap, lo sportello unico delle attività produttive del nostro ente. Inoltre – ha proseguito il vice sindaco – ci adeguiamo alla legge regionale 23 del 2018, che stabilisce la necessità di una pianificazione complessiva del settore, soprattutto in materia dei paramentri da determinare per la media e la grande distribuzione. E proprio sotto questo punto di vista, il nuovo Piano del commercio sostanzialmente blocca – come peraltro già previsto dalla citata legge regionale – nuovi insiediamenti della grande distribuzione, sotto ogni punto di vista, sia come aggregazione di singole attività sia come centro commerciale unitariamente inteso. In questo senso, è stata molto chiara la relazione del Cresa che ha effettuato uno studio specifico sul tessuto produttivo-ecomonico e che ha costituito un’altra delle base per arrivare alla stesura del nuovo documento”.

“Dopo 18 anni abbiamo dato alla città un nuovo Piano del commercio – ha detto ancora il vice sindaco Daniele – mantenendo una promessa che già era stata fatta agli aquilani con il programma di mandato. Uno strumento adeguato alla situazione normativa che si è evoluta nel tempo, ma che soprattutto pone una concreta attenzione alla mutazione delle necessità di una categoria che rappresenta un pilastro fondamentale per la collettività aquilana. Il documento varato dall’Aula è da considerare una costola dell’attività complessiva di pianificazione che questa amministrazione sta mettendo a punto, per disegnare una città nuova, moderna, competitiva e per valorizzare i suoi unici ed eccezionali aspetti storici e artistici”.

Il dettaglio sul nuovo Piano del commercio sarà esposto nel corso della conferenza stampa già convocata per martedì 20 ottobre, alle 11, nella sala del Consiglio comunale di via Filomusi Guelfi, a Villa Gioia, alla quale parteciperà il sindaco Pierluigi Biondi oltre al vice sindaco Raffaele Daniele.


Print Friendly and PDF

TAGS