Consigliere straniero, a L’Aquila affluenza al 2,8%. Rilindja, strumento superato

di Redazione | 24 Giugno 2022 @ 10:33 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “L’elettore ha sempre ragione’”, ci tengo a fare con questa massima  le congratulazioni al rieletto sindaco della città dell’Aquila Pierluigi Biondi. Voglio fare gli auguri di buon lavoro a lui e alla nuova giunta, di prossima formazione”. Lo ha detto il presidente  dell’associazione culturale Rilindja, Abdula ( Duli) Salihi.  

“Un augurio non solo a nome mio personale ma anche da parte di tutta l’associazione culturale Rilindja. Una competizione  in cui si  sono messi in gioco anche cittadini italiani di origine straniera di varia provenienza e su varie liste. C’è un messaggio di fondo”, ha aggiunto,  “che si cerca di trasmettere con la candidatura dei ‘italiani naturalizzati’, ma si fa fatica a comprendere o forse difficoltà nell’esprimere e che quindi passa inosservato, ed è per questo che  intendo mettere in evidenza su carta con le dovute analisi e riflessioni. Le comunità straniere, regolarmente soggiornanti da anni, sentono un grande bisogno di essere considerati politicamente  parte costituente della società, attraverso il diritto di voto  sancito dalla convenzione di Strasburgo 1992”.

“Questo”, ricorda Salihi, “è l’unico modo che si ha di essere ascoltati, considerati e non discriminati. Sappiamo che non è di competenza dell’amministrazione locale emanare decreti legislativi e per questo colgo l’occasione nel rinnovare l’invito ai nostri parlamentari abruzzesi affinché possa essere ripreso in Senato il tema, così come lo si è affrontato nella XIV° legislatura atto parlamentare n.326”.

La candidatura del “naturalizzato” per ogni comunità, diventa una potenziale opportunità di canale per esprimere le proprie richieste o necessità di comunità, ciò perché nella figura  rappresentativa del “consigliere aggiunto”, si scopre sia di poco interesse in quanto poco fruttuoso e a volte  male interpretato.

“Basta analizzare gli ultimi dati in merito alle elezione del consigliere aggiunto”, ha sottolineato Salihi in riferimento alle amministrative del 12 giugno che hanno visto l’elezione dell’albanese Edlira Banushaj di 49 anni. “Nessuna lista si è presentata se non quella uscente. Inoltre  sui 1903 aventi diritto al voto solo 54 si sono recati al voto, ossia  il 2,8 %. Penso sia chiaro e plausibile il messaggio che si manda da questi numeri, ovvero quello di fare un passo avanti, scoprire il diritto di voto, coperto da anni  dalla figura rappresentativa del consigliere aggiunto, e nel frattempo che dall’alto si riesca a decidere una volta per tutte se si vuole realmente l’integrazione o no, a livello locale sarebbe utile e necessario  creare un canale diretto tra associazioni costituite anche di giovani di seconda generazione e, magari un assessore al ramo. Canale inteso come un tavolo in cui si possa discutere, progettare politicamente per il programma di integrazione e supporto linguistico nei sportelli di Comune, Questura e Prefettura attraverso la figura del mediatore linguistico, una necessità di cui la città dell’Aquila avverte il bisogno da anni”.    


Print Friendly and PDF

TAGS