Congresso nazionale Uil Scuola, un delegato aquilano nel Consiglio Nazionale

di Redazione | 28 Settembre 2022 @ 11:13 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Volto a definire gli organismi statutari e ad eleggere la nuova segreteria che guiderà il sindacato per i prossimi quattro anni, si è svolto nei giorni scorsi a Roma, il secondo congresso nazionale della Federazione Uil Scuola Rua. La Uil scuola della provincia dell’Aquila, attiva da molti anni sul territorio, al servizio degli operatori scolastici, docenti e non docenti. 

In continuità con i principi enunciati dal neoeletto segretario generale Giuseppe D’Aprile ha chiaro il percorso “partire da un progetto di scuola moderna, laica, statale, nazionale, contro ogni forma di regionalizzazione che salvaguardi il diritto all’istruzione, la libertà di insegnamento e valorizzi il lavoro delle persone”

“Al secondo congresso nazionale della Uil Scuola Rua, oltre alla delegazione della Uil Scuola Abruzzo coordinata dalla prof.ssa Fabiola Ortolano e quella della provincia dell’Aquila, hanno partecipato circa 700 persone tra delegati provenienti da tutta Italia, ospiti, autorità, quadri sindacali e delegazioni estere. Durante congresso la responsabile per la provincia dell’Aquila di Uil Scuola Maria Gracia Commito è stata eletta dai delegati quale componente del Consiglio Nazionale della UIL SCUOLA. Il congresso è stato aperto dalla relazione del Segretario Uil Scuola Giuseppe D’Aprile ed ha visto la partecipazione di autorevoli ospiti istituzionali fra i quali Stefano Versari, Capo Dipartimento del Ministero dell’Istruzione oltre ai Segretari nazionali delle organizzazioni sindacali rappresentative del mondo della scuola. Le conclusioni dei lavori della prima giornata sono state affidate al Segretario generale della UIL, Pierpaolo Bombardieri.   Non sono mancati i focus sull’istruzione all’estereo e sugli insegnanti all’estero, L’incontro “Sogna, ragazzo sogna”, a due voci tra Giuseppe D’Aprile e Roberto Vecchioni, cantautore e insegnante per oltre trent’anni, ha emozionato e appassionato tutti i presenti. I molti interventi dei delegati e delegate, hanno arricchito il dibattito congressuale”

 


Print Friendly and PDF

TAGS