Concerto della Nannini, Coccagna: “Mi sorprende il no delle associazioni ambientaliste”

di Redazione | 09 Luglio 2021 @ 19:58 | ATTUALITA'
Viale Duca degli Abruzzi: Wild thing!
Print Friendly and PDF

PESCARA – Botta e risposta tra le associazioni ambientaliste, che sono contrarie al concerto di Gianna Nannini all’interno del Parco nazionale del Gran Sasso (in programma il 27 luglio), ed Eleonora Coccagna, la direttrice artistica della rassegna “Abruzzo dal vivo” che è prevista nei territori dei Comuni colpiti dal sisma 2016/2017 ed è sostenuta dalla Regione.

Ovviamente la Coccagna è di parere opposto alle associazioni ambientaliste.

Il comunicato della Coccagna

La nota a firma di WWF, TCI, Italia Nostra, Lipu, e di altre associazioni impegnate nella salvaguardia dei territori e della fauna locale mi ha sorpresa, lo dico sinceramente, perché in realtà considero tutte queste realtà alleate di Abruzzo dal vivo in un discorso di sostenibilità, preservazione dei luoghi naturali, turismo lento e in armonia coi luoghi. Il concerto di Gianna Nannini previsto per il 25 luglio nella splendida cornice di Piano Roseto va proprio in questa direzione. Il nostro è un pubblico selezionato, attento ai temi ambientali e alla ricerca di esperienze indimenticabili, in cornici naturali non antropizzate, che abbiano un impatto minimo e che in realtà seguano quella che è una filosofia di turismo lento e sostenibile, integrato nei luoghi e nella natura, tanto che le macchine saranno lasciate lontano dall’area del concerto, gli spettatori all’ora del tramonto arriveranno a piedi nei posti assegnati, si siederanno per terra su stuoie che avranno portato da casa e che poi porteranno via con loro, ascolteranno un concerto di pianoforte e voce dove l’atmosfera e la luce sarà data da quella naturale del sole al tramonto, perché non sono previste luci artificiali, né transenne.

I luoghi intatti della montagna sono da preservare tanto per le associazioni in difesa dell’Orso marsicano, tanto per tutti coloro che, in un’ottica di sviluppo sostenibile abbiano la visione di una montagna sana, verde, ricca di vita e che riesca ad attrarre un turista sempre più attento alla qualità di una esperienza che rispetti il luogo in cui viene fatta. Ed è questo il cerchio in cui Abruzzo dal vivo ha inscritto la sua azione.

Le associazioni ambientaliste: “No il concerto della Nannini all’interno del Parco”

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS