Comunali, Garavaglia: territorio aquilano perfetto per il ‘nuovo turismo’

di Marianna Gianforte | 25 Maggio 2022 @ 18:32 | ELEZIONI
garavaglia
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Questo territorio è già perfetto per il ‘nuovo turismo’. Il nuovo turista vuole stare all’aria aperta, fare sport e quindi godere nello stesso tempo di arte, storia, cultura e anche di benessere. Tutti aspetti ai quali il territorio aquilano si presta naturalmente”. A dirlo è stato oggi pomeriggio il ministro del Turismo Massimo Garavaglia (Lega), all’Aquila per sostenere la campagna elettorale del sindaco uscente dell’Aquila Pierluigi Biondi (Fratelli d’Italia) candidato unico per il centrodestra per le amministrative del 12 giugno. Il ministro ha incontrato nello splendido palazzetto dei Nobili, in centro storico, gli operatori turistici, albergatori e gestori di B&b, della camera di commercio Gran Sasso d’Italia e i rappresentanti delle principali associazioni di categoria: Confcommercio, Apindustria, Conflavoro, Confesercenti, rispondendo punto per punto alle loro domande e richieste.

“Il vostro territorio – ha aggiunto Garavaglia – Deve soltanto sviluppare questa vocazione e noi daremo una mano. Quello che avviene all’Aquila, nel suo circondario così come nel resto d’Abruzzo non è proprio, come alcuni ritengono, un turismo di passaggio. Se andiamo a vedere i dati sia a livello comunale molto interessanti con un recupero del 57 % in cinque anni, quindi vuol dire che c’è stato un grade salto. Oltre a questo a livello nazionale abbiamo finalmente per la prima volta dopo veramente tanti anni un dato superiore del 10% in termini di riempimento delle strutture ricettive rispetto alla Spagna, che è il nostro principale vicino concorrente. Sia in aprile, sia in maggio sia in giugno. Quindi vediamo l’avviarsi di un’ottima stagione”.

PORTALE ITALIA.IT. “Abbiamo rivisto e rinnovato – ha aggiunto il ministro – il portale turistico nazionale ‘Italia.it’, geolocalizzato, però si tratta di una grande operazione collettiva: noi mettiamo a disposizione dei territori e degli operatori un linguaggio comune, una cornice, ma poi il dipinto occorre farlo insieme con la partecipazione e l’iniziativa degli operatori che devono inserire ciò che propongono: la ciclovia, il sentiero Italia, l’Appennino, lo sport e la salute ad esempio”.

CICLOTURISMO. “Il cicloturismo già oggi in Italia vale 5 miliardi di euro, che sembrano tanti, ma sono pochissimi rispetto, ad esempio, ai 20 miliardi di euro della Germania: la differenza è di 15 miliardi. Un punto di Pil soltanto per il cicloturismo. Pensiamo che potenzialità abbiamo qui in Italia, cuore verde d’Europa, ricco di ciclovie, borghi, territori collinari e montani. Onestamente, paesaggi e clima italiani sono migliori di quelli tedeschi. Noi – ha aggiunto Garavaglia – abbiamo potenzialità enormi. La sostenibilità è la parola d’ordine per il turismo italiano e in questa ottica il cicloturismo è fondamentale. Inventarsi attività che incentivino l’utilizzo delle biciclette. Valorizzare le risorse che un territorio propone, ad esempio in piccole guide in cui inserire i sentieri bike e e-bike, con i punti di ricarica, i B&b, i punti di noleggio e le autostrade. Così si sviluppa il cicloturismo. Occorre ‘svegliarsi’, mettersi a correre, perché sul cicloturismo abbiamo in tutta Italia enormi potenzialità. Come qui in Abruzzo, avere territorio immersi nel verde: se non fare turismo qui, dove allora? Bisognerebbe tirare le orecchie al Parco, che non puoi chiudere solo a uso degli orsi ma dev’essere vissuto anche dalle persone. Il ministero ha fatto qualcosa: sulla via Francigena, che può diventare una sorta di ‘Cammino di Compostela’ italiano, abbiamo stretto un protocollo con Enel e metteremo punti di ricarica per e-bike lungo tutta la via Francigena. Ditemi un vostro cammino – ha detto il ministro rivolgendosi agli operatori aquilani – ed estendiamo ad esso la convenzione con l’Enel”.

BIONDI. “Recupero dello stile aquilano che risale alla tradizione dei suoi palazzi, valorizzazione della  Perdonanza celestiniana grazie al riconoscimento a patrimonio immateriale dell’umanità Unesco, racconto di una città che non è più quella del dolore e lacrime ma è diventata uno dei centri più belli d’Italia. Sono solo alcuni degli obiettivi raggiunti dalla maggioranza di centrodestra all’Aquila per la promozione del turismo. Sono contento – ha aggiunto Biondi – della presenza del ministro, che ha voluto confrontarsi con gli operatori locali del settore. Questo è solo uno degli ultimi esempi di come questa amministrazione abbia riallacciato il rapporto non solo con la città ma con un intero territorio. Un valore aggiunto premiato dai numeri che testimoniano un aumento costante dal 2017 al 2021 delle presenze turistiche in città soprattutto nel periodo estivo”.

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS