Cna: Camera di commercio rimoduli bandi sulle mascherine

di Redazione | 07 Maggio 2020 @ 10:44 | ATTUALITA'
mascherine d'angelo
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Alla luce delle numerosissime segnalazioni pervenute negli ultimi giorni alla Cna, da parte di imprese del territorio, invitiamo la Camera di commercio dell’Aquila, qualora non avesse avuto riscontro positivo, a valutare l’opportunità di rimodulare i due bandi per l’acquisto, a fondo perduto, di Dispositivi di protezione individuale, in particolare le mascherine. I fondi vanno riprogrammati per sostenere gli oneri che stanno affrontando le per imprese per i tamponi e test sierologici anti-Covid e per dare sostegno economico alle aziende del territorio”.

Il direttore della Cna, Agostino Del Re, solleva il problema dei due bandi camerali, che hanno destinato, rispettivamente, 200mila euro alle aziende della provincia dell’Aquila e 150mila euro ai comuni del cratere.

“È cambiato decisamente il quadro delle esigenze rispetto al momento in cui sono stati emanati i bandi”, sostiene Del Re, “intanto, l’ultimo decreto del premier Conte ha calmierato il prezzo di acquisto delle mascherine a 50 centesimi, riducendo così i costi per le imprese. Ma ciò che lascia perplessi è che, facendo un rapido calcolo sui fondi impegnati dall’ente camerale, che non concederà, come scritto nel bando, più di 2mila euro ad azienda per coprire il 50 per cento dei costi, viene fuori che, a ricevere il contributo non saranno più di 100 aziende in provincia e 75 nel cratere, contro le migliaia di micro e piccole imprese, artigiani e commercianti che versano in condizioni di difficoltà estrema”.

“Tra l’altro”, fa notare Del Re, “il bando della Camera di commercio dell’Aquila, così come formulato, è ampiamente superato dal bando Invitalia, che mette in cantiere un pacchetto di risorse di 50 milioni di euro, con la possibilità, per le aziende, di accedere a finanziamenti a fondo perduto fino a 500 euro a lavoratore e 150mila euro ad impresa. Un bando, evidentemente, econoimicamente più vantaggioso”.

Pertanto, aggiunge Del Re, “chiediamo un incontro alla Camera di commercio con tutte le associazioni di categoria, che non possono essere ignorate, per valutare la possibilità di rimodulare i bandi in base alle reali esigenze del territorio, non ultima la necessità, per centinaia di imprese della ricostruzione, di eseguire tamponi e test seriologici. Inoltre, vanno individuate, in un momento di crisi così pesante per la provincia dell’Aquila e per tutto il Paese, delle misure specifiche a sostegno delle aziende che chiedono di essere ascoltate e coinvolte anche attraverso le associazioni di categoria che le rappresentano”.


Print Friendly and PDF

TAGS