Claudio Mizii, la nona laurea del commercialista di Atri

Il suo traguardo raccontato su Avvenire

di Redazione | 16 Maggio 2021 @ 16:29 | RACCONTANDO
laurea
Print Friendly and PDF

 

TERAMO – Claudio Mizii, 66 anni, commercialista e podista, si alza tutte le mattine alle 5 per studiare. La scorsa settimana ha conseguito la sua nona laurea, un record nazionale per il numero degli anni che sono stati necessari: solo 15. «Sono metodico – racconta Mizii – leggo, faccio una sintesi scritta e poi la ripongo tra i documenti»: un metodo di studio a cui contribuisce la lettura di Avvenire, subito dopo aver terminato gli studi mattutini: «È il mio punto di riferimento quotidiano dai tempi in cui il direttore era Angelo Narducci: Avvenire offre uno sguardo aperto e costruttivo sul mondo dando voce al mondo cattolico, una realtà ricca di sensibilità».

La sua prima laurea, Claudio Mizii, l’ha conseguita con la triennale in Economia e management, seguita dalle specialistiche in Management e sviluppo socio-economico, Economia e management, Management delle imprese sportive, Management e comunicazioni d’impresa, Management per il welfare, Scienze delle amministrazioni pubbliche e, infine, Management, finanza e sviluppo.

È stato presidente della Scuola d’eccellenza “Claudio Acquaviva” di Atri, campione italiano dei podisti commercialisti e artista della fotografia italiana dal 2012: il suo impegno, al quale contribuisce la lettura di Avvenire, è da sempre incentrato sul bene comune.

Il commercialista di Atri è anche studioso dei fenomeni migratori e delle politiche di integrazione in Abruzzo e Italia, oggetto della sua ultima tesi. È stato revisore dei conti per Avis, Centro servizi volontariato e Casa di riposo Santa Rita di Atri, a testimonianza di una grande attenzione per il mondo del volontariato e del Terzo settore. Claudio Mizii è stato ed è promotore di gemellaggi tra città italiane e polacche, consolidando i legami storico-culturali dei due Paesi durante il pontificato di Giovanni Paolo II.

Una bella storia raccontata su Avvenire da Paolo Martocchia.


Print Friendly and PDF

TAGS