Circolo Pd Sassa: presentata proposta per riqualificare area ovest della città

di Redazione | 13 Febbraio 2021 @ 18:19 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA -Il Circolo Pd di Sassa ha presentato questa mattina, durante una conferenza stampa, una proposta molto articolata e complessa per riqualificare e rilanciare l’area ovest. “Abbiamo chiaro il metodo, e non solo il concetto, di città territorio: ascolto, inclusione, smart communities”.

Il circolo del Pd di Sassa lancia una proposta strategica per la zona ovest presentando il lavoro frutto di 4 anni di ascolto, inclusione ed elaborazione collettiva. 
 
“Ci siamo dati questo metodo, di partecipazione e contaminazione. In più, tecnicamente abbiamo proceduto con metodo analitico: accanto ad ogni criticità, affiancato una proposta. Nei prossimi mesi presenteremo un tassello per volta, entrando nei dettagli, continuando ad alimentare sempre il dibattito, nonostante il persistente tentativo di soffocarlo, strumentalizzarli o manipolarlo”, così il Circolo Pd Sassa in una nota.
 
“Uno degli argomenti più dibattuti è quello della variante di Sassa, il cui accordo di programma è stato presentato nei giorni scorsi dal Comune e dalla Provincia. Su questo il circolo locale pone le debite precisazioni: a nostro giudizio c’è già un tracciato che abbiamo presentato come osservazione al PUMS a luglio 2020 e che evita la frammentazione dei campi ed il consumo di suolo, sfruttando percorsi rurali esistenti, generando anzi spazi pubblici di cui qui si è drammaticamente privi. Per noi invece il Comune propone un percorso che da molti era stato rigettato, soprattutto dai suoi interlocutori simpatizzanti locali. Sulla viabilità, abbiamo proposto anche una sorta di variante “COSTARELLE”, da valutare nelle sedi opportune, che collega i due rettilinei di Preturo, per mettere in sicurezza il tratto di SS17 densamente abitato, deviando il traffico pesante ed evitandi altri incidenti mortali. Questo lo proponiamo come parte integrante della variante SUD lotto A, su cui torneremo. Un altro dei problemi del territorio ovest sono gli spazi e gli edifici abbandonati: scuole, sercom, cimiteri, parco paleontologico. Per noi sarà essenziale anche la realizzazione di un parco urbano verde nello spazio dell’ex scuola media, ormai in disuso, con la valorizzazione di un parco fluviale sul tracciato del Raio e un percorso ciclo pedonale che ci ricollega alla ciclopedonale dell’aterno e al parco del Vetoio. L’ex Sercom potrebbe essere riutilizzata per loro per ospitare la scuola nazionale dei Vigili del Fuoco vista la posizione strategica e vista la presenza del progetto case di Pagliare che potrebbe essere campus per gli allievi. Una proposta che è volta al rilancio economico dell’area collegando anche il nucleo con uno sbocco autostradale in zona Genzano – Collefracido. Altro problema quello della differenziata che chiediamo invano da tempo sul territorio e inoltre c’è la vecchia questione degli sversamenti fognari a cielo aperto. Tutte criticità con relative proposte ma, soprattutto, con un metodo fatto di ascolto e condivisione con le comunità, cose che secondo il circolo locale l’attuale amministrazione non fa”.
 
“Restiamo in ascolto anche di chi, dopo quattro anni di totale silenzio e totale assenza dal nostro territorio, oggi prova a fare una manovra di ripresa politica irrispettosa dell’intelligenza delle cittadine e dei cittadini. Una domanda facciamo loro, molto semplice: in questi quattro anni di vostra amministrazione e vostra militanza politica cosa è cambiato in meglio per tutti noi? Quale è stato il vostro contributo per rendere migliori le condizioni delle nostre frazioni? Cosa di buono? In quattro anni mai una parola, un commento, una proposta, un’assemblea, un ascolto. MAI. Avete alimentato un omertoso e vergognoso silenzio sulle criticità di queste zone, senza mai spendere una parola, una per dire cosa non andava o come si sarebbe potuto risolvere un problema. Avente abdicato il ruolo che vi è stato riconosciuto pur di non disturbare l’inazione del sindaco. Vergognatevi, tutti e tutte”, conclude la nota.

Print Friendly and PDF

TAGS