Chieti, Marcozzi su vaccinazione: “Ancora disagi al Pala Ud’A dopo settimane di propaganda”

di Redazione | 20 Maggio 2021 @ 16:16 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

CHIETI – “Al Pala Ud’A di Chieti non finiscono mai i rallentamenti e i disagi. Da una parte ci sono la Asl, impegnata a dire che va tutto bene e che la campagna di vaccinazione in città prosegue alla grande, il centrodestra, che continua a non muovere un dito per intervenire, e il Prefetto, che lancia accuse vergognose nei confronti di chi denuncia i malfunzionamenti quotidiani, come succede in qualsiasi Paese democratico. Dall’altra, invece, ci sono le segnalazioni dei cittadini che raccontano cosa accada nella realtà del Pala Ud’A, ben peggiore rispetto a quella parallela che tanti vorrebbero raccontare. Infatti, secondo quanto emerge da diverse ricostruzioni, anche nella giornata di ieri ci sarebbero state tante persone che, dopo essere state costrette ad attendere per ore all’esterno della struttura sotto la pioggia, sarebbero state rispedite a casa senza aver fatto il vaccino. Il motivo? Le dosi anti Covid erano esaurite”.

Lo afferma il Capogruppo M5S in Regione Abruzzo Sara Marcozzi.

“Una situazione inaccettabile – afferma – che noi denunciamo da settimane. Peccato che l’unica cosa che il direttore generale della Asl 02 Schael sia stato in grado di fare, sono stati tweet e comunicati stampa per rilanciare la propria becera propaganda, sbugiardata peraltro da Poste Italiane che ha rispedito al mittente accuse pretestuose. Evidentemente però è questo quello che ha in mente Schael quando pensa alla realizzazione di una campagna vaccinale efficiente contro il Covid: code infinite, utenti lasciati ad aspettare ore e rimandati a casa senza vaccino, nessuna organizzazione. Peccato per lui che non sia lo stesso per i cittadini abruzzesi, che pagano le conseguenze di questa gestione pessima della sanità regionale, nel silenzio del Presidente Marsilio e dell’Assessore Verì, complici di questo scempio”, conclude.


Print Friendly and PDF

TAGS