“Chiarezza sui conti Arap e no alla vendita del centro fieristico”

Ruscio: il Comune va coinvolto nelle scelte che riguardano il territorio

di Redazione | 28 Ottobre 2021 @ 09:30 | ATTUALITA'
Loreta Ruscio
Print Friendly and PDF

AVEZZANO – Un socio “all’oscuro di tutto”. L’amministrazione comunale dice basta alla decisioni unilaterali e al silenzio assordante dell’Arap, sorda alle tante sollecitazioni mirate a “fornire i documenti sulla consistenza patrimoniale al fine della valutazione e della definizione della quota di partecipazione del Comune di Avezzano”. Per fare chiarezza una volta per tutte, anche in relazione alle criticità evidenziate dalla Corte dei Conti nel bilancio d’esercizio 2020, nonché i rilievi del revisore contabile sul Bilancio d’esercizio 2018 e la messa in vendita del centro fieristico di Avezzano senza alcun coinvolgimento del Comune, l’assessore Loreta Ruscio e i dirigenti dell’Ente, hanno chiesto un incontro urgente, entro 10 giorni, documenti alla mano, al Presidente dell’Arap, Giuseppe Savini.
“Vogliamo chiarezza assoluta in primis sulle questioni contabili”, afferma Ruscio, “sullo stato dell’arte dell’impianto irriguo-fucense e sulla vendita del centro fieristico, anche in considerazione del fatto che quest’ultimo ricade sul territorio del Comune ed è stato trasferito dal Consorzio del Nucleo industriale di Avezzano a seguito della fusione”. Un’operazione passata sulla testa del consiglio comunale dell’epoca. “Nessuna amministrazione”, sottolinea la nota di richiesta di incontro urgente, “ha approvato in consiglio comunale (ai sensi dell’articolo 42 del Tuel) il progetto di fusione dei consorzi industriali per la costituzione dell’Arap generando pertanto una situazione di potenziale illegittimità”.
La vendita del centro fieristico, bocciata nei giorni scorsi anche dal consigliere, Alessandro Pierleoni, è stata al centro di un incontro tra gli assessori Ruscio e Pierluigi Di Stefano, il consigliere Antonio Del Boccio, e i rappresentanti di Confindustria, Roberto Monfredini; Confcommercio, Giuliano Montaldi; Confesercenti, Filiberto Figliolini e Carlo Rossi, Confartigianato, Lorenzo Angeloni; Confagricoltura, Stefano Fabrizi; Cna, Fabrizio Belisari; Ance, Roberta Palermini, a Palazzo di città. Seppur con sfumature diverse gli amministratori e i rappresentanti delle forze produttive hanno criticato la decisione piovuta dall’alto, ribadendo la necessità della programmazione attraverso la creazione di un tavolo permanente. Chiarezza quindi, sulla situazione contabile dell’Arap e stop alla messa in vendita del centro fieristico di Avezzano che suona come una frettolosa volontà di “fare cassa” a discapito della Marsica.


Print Friendly and PDF

TAGS