Chi può chiedere il certificato di esenzione al vaccino

di Redazione | 05 Agosto 2021 @ 12:35 | UTILI
nucleare
Print Friendly and PDF

ROMA – Il ministero della Salute ha diramato una circolare che autorizza il certificato per gli esenti dal vaccino anti Covid. Il certificato è riservato alle persone che “per condizione medica non possono ricevere o completare la vaccinazione per ottenere una certificazione verde Covid 19”.

Chi rientra in questa categoria, avrà la certificazione in formato cartaceo e avrà una validità fino al 30 settmbre. Le certificazioni di esenzione, stabilisce una circolare della direzione generale Prevenzione del ministero della Salute, che mette nero su bianco questa possibilità e chi riguarda.

“Le persone che ottengono un’esenzione alla vaccinazione devono essere adeguatamente informate sulla necessità di continuare a mantenere le misure di prevenzione come: usare le mascherine, distanziarsi dalle persone non conviventi, lavare le mani, evitare assembramenti in particolare in locali chiusi, rispettare le condizioni previste per i luoghi di lavoro e per i mezzi di trasporto”, si avverte nella circolare.

Fino al 30 settembre 2021, salvo ulteriori disposizioni, “le certificazioni potranno essere rilasciate direttamente dai medici vaccinatori dei Servizi vaccinali delle aziende ed enti dei Servizi sanitari regionali o dai medici di medicina generale o pediatri di libera scelta dell’assistito che operano nell’ambito della campagna di vaccinazione” anti-Covid nazionale. La certificazione deve essere “rilasciata a titolo gratuito, avendo cura di archiviare la documentazione clinica relativa, anche digitalmente, attraverso i servizi informativi vaccinali regionali”, anche per consentire il monitoraggio.

I certificati non possono contenere dati sensibili come la motivazione clinica dell’esenzione, viene precisato. Le Regioni e Province autonome attivano un sistema di monitoraggio delle esenzioni rilasciate comunicando, su richiesta, i dati in formato aggregato al ministero della Salute. La circolare entra nel dettaglio di come orientarsi fra le controindicazioni al vaccino (“condizione nel ricevente che aumenta il rischio di gravi reazioni avverse”) e le precauzioni (legate a una “condizione nel ricevente che può aumentare il rischio di gravi reazioni avverse o che può compromettere la capacità del vaccino di indurre un’adeguata risposta immunitaria”).

La vaccinazione Covid “non è controindicata in gravidanza”, viene puntualizzato. “Qualora, dopo valutazione medica, si decida di rimandare la vaccinazione, alla donna in gravidanza potrà essere rilasciato un certificato di esenzione temporanea alla vaccinazione – prosegue la circolare – sottolineando che l’allattamento non è una controindicazione alla vaccinazione anti Sars-CoV-2”. Altra indicazione riguarda l’esecuzione di test sierologici, volti a individuare la risposta anticorpale nei confronti del virus, che “non è raccomandata ai fini del processo decisionale vaccinale”, si avverte nella circolare. “Per tale motivo la presenza di un titolo anticorpale non può di per sé essere considerata al momento alternativa al completamento del ciclo vaccinale”.

Quanto alle miocarditi/pericarditi, osservate in casi molto rari dopo la vaccinazione con i vaccini a mRna (Pfizer e Moderna), la decisione di somministrare la seconda dose di vaccino Pfizer o Moderna in persone che hanno sviluppato la condizione dopo la prima dose “deve tenere conto delle condizioni cliniche dell’individuo e deve essere presa dopo consulenza cardiologica e un’attenta valutazione del rischio/beneficio. In tale situazione, laddove sia stato valutato di non procedere con la seconda dose di vaccino Covid a mRna, va considerato l’utilizzo di un vaccino di tipo diverso per completare l’immunizzazione”.


Print Friendly and PDF

TAGS