Checkmate! Una delle menti scacchistiche più affascinanti di sempre

di Enrico M. Rosati | 04 Febbraio 2022 @ 08:02 | CHECKMATE
menti brillanti
Print Friendly and PDF

Nessun Gran Maestro è normale, tutti si differenziano per le sfumature della loro pazzia 
Viktor Korchnoj

In questo articolo perlerò di quella che viene reputata una delle menti scacchistiche più affascinanti di sempre, Vassily Ivanchuk, più specificamente farò riferimento alla sua intervista del 2018 dopo aver battuto, nel nono round di Gibraltar Chess, Lei Tingjie, una promettente scacchista e campionessa della quarta edizione del China Women Masters Tournament. L’intervista viene considerata una delle migliori mai fatte. 

La mia preparazione si limitava ad una mossa, “giocherò e4 e poi.. si vedrà”, e quando lei ha scelto di giocare una difesa francese ho pensato “giocare cavallo c3 è troppo aggressivo, meglio andare con cavallo d4”. La continuazione ricorda molto una partita tra Carlsen e Caruana, in cui Caruana non ha notato che avrebbe potuto vincere un pezzo da Carlsen. Poi ho giocato alfiere in d3, una mossa non sbagliata ma davvero complicata, infatti e5 in questo caso era possibile, una mossa che avrebbe portato ad una posizione davvero molto complessa ed interessante. Ovviamente lei avrebbe potuto arroccare, e dopo il mio arrocco giocare a6, ma dopo una lunga pausa ha giocato e5. Io ho portato il mio cavallo in b5 e dopo e4 minacciato la donna con cavallo c3. Dopo regina C6 ho iniziato a pensare che torre e1 sarebbe stata un’alternativa molto interessante, perché; 

  • se pedone prende d3 allora torre cattura in e7 e mi sembra di avere una posizione sicura…
    • Quello che mi metteva in dubbio è la continuazione, dopo torre in e1, con alfiere in b4. A questo punto ho considerato un alfiere cattura in e4, cavallo nero cattura alfiere in e4, cavallo d5.. ma questo ovviamente non funziona perché torre d8 e sono nei guai..

Ma nessuna di queste alternative mi convinceva, quindi ho giocato cavallo d4 e dopo lo spostamento della regina ho catturato e4 ed ho calcolato che

  • se torre d8, alfiere e3, regina b2 e regina d3, si arriva ad una posizione davvero particolare e difficile. ma ok perché comunque il bianco ha un buono sviluppo.. 
  • Ma dopo aver fatto la mossa, mi si è gelato il sangue, perché ho realizzato che c’era un’idea molto interessante. Al posto di regina b2, cavallo prende alfiere in e4, cavallo prende cavallo in e4 e qui ho iniziato a calcolare f5..  per me è stato uno shock. Cosa faccio? Il mio cavallo è appeso.. e se torno indietro arriva f4… quindi ho iniziato a calcolare dopo f5.. 
    • f5, cavallo cattura f5, alfiere cattura cavallo in f5, alfiere cattura regina in b6, torre cattura regina in d1, torre cattura torre in b1, axb6 e ora c3. mossa intelligente. Se alfiere cattura in e4 allora torre in e1, ma sfortunatamente non funziona perché torre in a4, b3, torre in a3, torre prende alfiere in e4, cavallo c6… ed a questo punto è difficile calcolare, ma addirittura il nero potrebbe essere in vantaggio. 
    • D’un tratto, dopo f5 mi sono rallegrato perché ho trovato una mossa brillante! Dopo f5, sposto il cavallo indietro in d2. Secondo la mia esperienza negli scacchi, le mosse più difficili da trovare sono quelle in cui si torna indietro
      • e se pedone f4 io ho cavallo f5, e se alfiere f5 allora cavallo in e7 e scacco. 
      • la variante di questa posizione più brillante di tutte, però, dopo cavallo d2, è se torre prende cavallo in d4, regina e1 e il nero non ha possibilità di difendersi. 

Nulla di questo fortunatamente è successo, e lei alla quattordicesima mossa ha preso il pedone in b2, io come anticipato prima ho giocato regina d3, cavallo a6, torre b1, regina a3 e alfiere f3. Questa posizione è molto interessante.. e sono stato davvero rallegrato nel vedere cavallo d4, ho portato la regina in d4 e solo ora ho visto che a lei rimanevano 5 minuti mentre io avevo ancora un’oretta.. quindi ho iniziato a giocare tutte mosse logiche con l’intento di metterla in difficoltà e farla giocare, più che contro di me, contro l’orologio ed il poco tempo che le rimaneva. A questo punto ho fatto di tutto pur di farle perdere tempo, giocando in modo non per forza preciso quanto determinato. 

Vassily Ivanchuk, con questi calcoli, si riconferma come uno dei giocatori più creativi, e vedere la sua mente all’opera è indubbiamente motivazionale. 


Print Friendly and PDF

TAGS