Checkmate! L’India in lizza per il podio del Tata Steel Chess

di Enrico M. Rosati | 03 Dicembre 2022 @ 05:24 | CHECKMATE
Olimpiadi
Print Friendly and PDF

Quando si parla di giocatori di calibro eccellente non si può che menzionare i nomi presenti sul tabellone, da Magnus Carlsen sino ad arrivare a DudaCaruanaGiri e ovviamente Liren è presente una buona fetta della top 10 mondiale. Tra i nomi mancano Ian NepomniachtchiMVL che recentemente in un torneo di Chess.com hanno fatto parlare di loro anche grazie a una delle aperture utilizzate: il Gambetto di Re. 

Ding Liren da quando è diventato uno dei due candidati si è visto sempre meno sui tavoli da gioco, di conseguenza questo torneo sarà un ottimo modo per poter capire a pieno la preparazione del campione cinese. Leggendo i nomi non si può che rimanere colpiti dalla presenza di Gukesh, Abdusattorov Praggnanandhaa, tre giovanissimi campioni indiani che hanno dominato il panorama scacchistico nell’ultimo anno. 

 

# Fed Nome Anno Elo Classifica Mondiale
1   Magnus Carlsen 1990 2859 1
2   Ding Liren 1992 2811 2
3   Fabiano Caruana 1992 2766 6
4   Anish Giri 1994 2764 7
5   Wesley So 1993 2760 8
6   Richard Rapport 1996 2740 15
7   Levon Aronian 1982 2735 17
8   Jan-Krzysztof Duda 1998 2731 18
9   Gukesh D. 2006 2725 23
10   Arjun Erigaisi 2003 2718 28
11   Nodirbek Abdusattorov 2004 2713 32
12   Vincent Keymer 2004 2698 42
13   Jorden van Foreest 1999 2690 47
14   Praggnanandhaa R. 2005 2678 62

Il direttore del torneo Jeroen van den Berg aveva preannunciato delle partite indimenticabili: “Vedremo grandi nomi. E non mi riferisco solo ai match che si svolgeranno tra i migliori giocatori al mondo; non vedo l’ora di assistere alla competizione contro i più esperti dei giovani massimi talenti, per esempio del 16enne Gukesh o del 18enne Abdusattorov”.

“Questo è il tabellone più forte che io abbia mai visto a Wijk aan Zee, uno schieramento davvero impressionante”, ha detto Giri “e sento lo stesso entusiasmo da parte di altri partecipanti. È fantastico competere assieme in gennaio per l’ambito titolo: tutti vogliono vincere questo torneo almeno una volta, e credo che tutti ci proveranno nella prossima edizione”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS