Checkmate! Bridge – Fammi strada

di Enrico M. Rosati | 28 Novembre 2022 @ 05:45 | CHECKMATE
Print Friendly and PDF

“Sono bloccato”. Questa espressione è usata in tante situazioni diverse, così come la parola blocco può avere differenti significati, sia specifici che metaforici. Dal blocco della circolazione al blocco dello scrittore, da una situazione difficoltosa ad un problema di digestione, dal blocco di marmo a quello della carta per la stampante. Nel gioco del bridge descrive l’impossibilità della riscossione immediata di un palo ripartito in modo ineguale tra le due mani della stessa linea perché la più bassa carta della parte più corta non può essere superata da una della parte più lunga. Ad esempio, la figura A K Q per J 10 9 8 non procura quattro prese immediate perché dopo tre giri nel colore una mano ha il vuoto e l’altra non è in presa. La cessazione di un blocco è chiamata sblocco, riferibile sia ad un tubo intasato che ad una pratica amministrativa. Nel bridge significa eliminazione della carta alta che impedisce il fluire di tutte le vincenti del colore. Lo sblocco di un colore può avvenire in due modi: o giocando le carte che bloccano per poi passare alla mano opposta comunicando in un altro colore, oppure scartando le carte bloccanti su vincenti di un palo lungo. La cosiddetta “lunga” che permette scarti dalla mano contrapposta consiste spesso nel palo d’atout. Questa eventualità di scarto di “vincente su vincente” può essere difficile da vedere perché va contro lo spirito risparmiatore del bridgista. 

Fammi strada

Nella Mano n. 43 Sud gioca 6 Picche e riceve l’attacco di Asso di Fiori e la prosecuzione nel colore, per il taglio di mano. Il contratto di slam è garantito se il palo di Picche (atout) è ben distribuito: resti 3-2, che sappiamo avere una probabilità a priori del 67,8%. La 5-0 d’atout, che condanna il contratto, si verifica solo al 3,9%. Dopo il taglio della seconda levée la ripartizione 4-1 dei resti d’atout (28,3%) è divenuta pericolosissima perché il taglio al secondo giro di Fiori ha ridotto il dichiarante ad avere lo stesso numero di atout dell’avversario partito con la quarta: se ora li batte tutti non può più incassare le sette vincenti dei colori rossi perché c’è un blocco al morto del palo di Quadri. Il dichiarante ha però molte possibilità di realizzare il contratto se gioca con accuratezza. Le sue probabilità a priori possono salire ogni volta che chi possiede i quattro atout ha anche due carte di Quadri, il che dovrebbe verificarsi nell’84% dei casi. Quindi alla probabilità iniziale del 67,8% si aggiunge l’84% dei casi restanti: 0,302 x 0,84 = 25,37%. Il dichiarante porta le sue probabilità iniziali di successo al 93,2% se pianifica di battere due soli colpi d’atout per poi incassare due onori di Quadri e tornare in mano con il terzo atout: ora batte l’ultima Picche su cui scarta l’onore di Quadri secco del morto e continua riscuotendo Fante e 10 di Quadri ed i tre onori di Cuori. Questa manovra è un tipico caso di sblocco per scarto su un atout di lunga e richiede il rispetto di un preciso timing che risolva contemporaneamente i problemi di sblocco e di comunicazione esterna al colore bloccato. La mano è interessante anche dal punto di vista del calcolo delle probabilità.


Print Friendly and PDF

TAGS