CGIL annuncia sciopero servizio mensa scuole: la salute e la sicurezza siano la priorità

di Redazione | 20 Aprile 2023 @ 10:47 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  – “Ad oggi non sussistono le necessarie condizioni affinché siano garantite la salute e la sicurezza degli operatori che quotidianamente consegnano i pasti nelle scuole della nostra città.” Così incalza il sindacato riguardo la mensa delle scuole e le condizioni dei lavoratori. “Agli operai della Vivenda, infatti, viene negato di accedere con i mezzi aziendali nei perimetri dei plessi scolastici le cui pertinenze sarebbero carenti delle misure tecniche e operative idonee a garantire la salvaguardia da rischi interferenziali, con la conseguenza di proibire l’ingresso a qualunque autoveicolo. Sono passati ormai sette mesi e sono stati effettuati numerosi tavoli tecnici tra Comune dell’Aquila, Dirigenti degli Istituti Comprensivi e Tecnici addetti alla sicurezza. Nonostante i tentativi e le tante interlocuzioni, finora non si è trovato un accordo definitivo e non è stato possibile effettuare i lavori che sarebbero indispensabili per garantire la sicurezza di tutti coloro che frequentano gli Istituti Comprensivi della nostra città. Nel frattempo i lavoratori sono costretti a subire le conseguenze di questo stallo, esposti alle intemperie, costretti a trasportare manualmente i pasti per lunghi tragitti, spesso scaricando i pasti in mezzo alla strada pubblica e rimanendo gli unici a dover sopportare le conseguenze di questa impasse amministrativa. Per tali motivi, la Filcams Cgil della Provincia dell’Aquila ha proclamato una giornata di sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati nel servizio della mensa scolastica del Comune dell’Aquila per l’intera giornata del 28/04/2023. Confidiamo nella comprensione e nella solidarietà dei genitori degli alunni ai quali chiediamo di unirsi nel richiedere agli organi preposti, ogni azione al fine di salvaguardare la salute e la sicurezza di alunni, personale scolastico e di tutti coloro che frequentano i nostri istituti comprensivi.” Conclude il sindacato. fg


Print Friendly and PDF

TAGS