Regione, centrosinistra: le terrazze d’Abruzzo sono di nuovo raggiungibili in sicurezza

di Redazione | 12 Agosto 2022 @ 16:43 | POLITICA
Centrosinistra
Print Friendly and PDF

PESCARA. “Questa mattina ci siamo recati presso il Rifugio Bruno Pomilio per verificare la messa in sicurezza della strada provinciale 614 – La Maielletta, con particolare riferimento agli ultimi tre chilometri (dal km 15+800 al km 18+900) che conducono alla nota struttura ricettiva di Rapino”.

Così una nota congiunta a firma dei consiglieri Antonio Blasioli e Silvio Paolucci.

“Abbiamo rilevato il rifacimento del manto stradale – prosegue la nota –  e l’installazione di moderni guardrail a tripla onda.

Interventi, da noi sollecitati poco più di un anno fa mediante un’interpellanza rivolta alla Regione Abruzzo e realizzati in tempi rapidi dalla Provincia di Chieti, che dovrebbero garantire un concreto ridimensionamento del periodo di interdizione al traffico veicolare nel corso della stagione invernale.

Turisti e avventori  – continuano i consiglieri – hanno accolto con estrema soddisfazione la riqualificazione, d’altronde l’asse viario ricopre un’importanza strategica sostanziale.

Dal Rifugio Pomilio, punto di riferimento per gli appassionati che intendono raggiungere il Blockhaus e la zona sommitale della Maiella, si snodano infatti alcuni dei più suggestivi itinerari escursionistici e ciclabili d’Abruzzo, accessibili anche alle persone con disabilità, e dunque sinonimo di turismo inclusivo e sostenibile.

Un lavoro atteso da tempo, frutto dell’impegno del centrosinistra e della sinergia con il presidente provinciale Francesco Menna, al quale vanno i nostri ringraziamenti.

Continueremo ad approfondire la vicenda – conclude la nota –  allo scopo di ragionare sulla fattibilità di ulteriori interventi che possano scongiurare del tutto la chiusura invernale della strada, rendendola fruibile anche in condizioni meteo avverse, e presenteremo una specifica interpellanza per appurare il numero delle antenne in funzione e sondare la possibilità di accorparle in unico impianto ai fini di un minimo impatto ambientale”. 

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS