Centro raccolta rifiuti a Scoppito, opposizione dice no

di Redazione | 11 Giugno 2020 @ 21:08 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

SCOPPITO – Nel corso della riunione del Consiglio comunale di Scoppito di oggi pomeriggio, è stato approvato, “dalla sola maggioranza, lo schema della convenzione per la cessione in diritto di superficie di un’area comunale e del relativo fabbricato per la realizzazione di un centro di raccolta rifiuti intercomunale”.

A comunicarlo con una nota il coordinatore di Fratelli d’Italia per Scoppito e l’Alto Aterno Christian del Pinto, che spiega come “l’opposizione, nella persona del capogruppo di ‘Scoppito nel Cuore’ Emiliano Renzetti, in pieno accordo con Andrea De Nuntiis, capogruppo di Nuovo Rinascimento, contesti l’ubicazione del sito a ridosso del campo sportivo comunale e in prossimità di una zona residenziale”.

Secondo l’opposizione la creazione di un impianto di raccolta rifiuti intercomunale potrebbe creare “problemi di gestione soprattutto per quanto riguarda la frazione organica del rifiuto con le relative emissioni odorigene fastidiose, in particolare durante la stagione estiva”.

Contestato inoltre lo schema della convenzione che, “nella propria struttura, non tutelerebbe in maniera adeguata gli interessi del Comune di Scoppito”.

A sostenere tali rimostranze, ampiamente condivise dalla cittadinanza, oltre a Del Pinto anche il commissario della Lega Fabio Maurizi che “contestano la scellerata scelta dell’ubicazione anche alla luce del fatto che, nella stessa area, la maggioranza abbia già approvato il progetto preliminare per la costruzione del nuovo edificio scolastico, già in più occasioni oggetto di una contestazione non ancora sopita, soprattutto per l’inadeguata condizione geologica del suolo interessato”.

I due referenti di partito dichiarano che, “per la delicatezza dell’argomento, la situazione verrà argomentata anche presso i rispettivi organi superiori”.


Print Friendly and PDF

TAGS