Case popolari, Romano e Serpetti: “Ancora ritardi da parte del Comune”

di Alessio Ludovici | 24 Maggio 2024 @ 05:00 | ATTUALITA'
PALAZZO MARGHERITA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “53 famiglie cercano risposte dall’amministrazione in merito al bando della mobilità delle case popolari: bando uscito esattamente un anno fa, solo a seguito delle azioni di denuncia da parte dell’opposizione, ma ad oggi drammaticamente fermo”. E’ la denuncia di Paolo Romano ed Elia Serpetti.

Romano ha ricordato la sua battaglia del 2023 quando il bando ancora non era stato nemmeno pubblicato. In quell’occasione l’assessore Tursini nel 2023 aveva promesso “massima attenzione, responsabilità e monitoraggio su tutte le procedure di competenza riguardanti le case popolari” rispondendo a una interrogazione del consigliere di opposizione: “Ad oggi ogni promessa scritta in quell’occasione è stata del tutto disattesa”.

“53 famiglie che da mesi affollano gli uffici per vedersi riconosciuto non solo il diritto all’abitazione secondo quanto prevedono le norme vigenti, ma anche la trasparenza che il Comune dovrebbe garantire a ogni cittadino. 53 famiglie che hanno atteso questo bando della mobilità nelle case popolari per anni, visto che l’ultimo risale al 2017: si tratta del riconoscimento di un’opportunità per chi ha visto mutate le condizioni del nucleo familiare rispetto alle dimensioni dell’alloggio, per chi purtroppo ha visto mutare il proprio stato di salute e oggi si trova ad abitare un alloggio inidoneo per l’eventuale presenza di barriere architettoniche e/o per la lontananza dal luogo di cura/assistenza e per chi, già assegnatario alla data del 6.4.2009, causa la mancata erogazione del finanziamento per la ricostruzione, si trova in un progetto CASE/MAP e nutre la legittima aspettativa di tornare ad abitare un alloggio non provvisorio a canone sociale”.

Infine la stoccata: “Eppure nel 2022 la Giunta comunale è riuscita ad emettere ben 40 provvedimenti senza alcun bando pubblico: non solo creando due pesi e due misure tra i cittadini, ma di fatto non rispettando neanche le regole dettate dalla legge regione 96/96”.

“Finora uno degli ostacoli era rappresentato dalla mancata nomina del delegato del sindaco nella commissione ERP deputata all’istruttoria delle domande e alla consequenziale graduatoria”. La nomina è arrivata solo due giorni fa, nel prossio consiglio comunale era prevista la discussione di una interrogazione a riguardo presentata dal consigliere Serpetti. 

“Ma anche sulle nuove assegnazioni delle case popolari le cose non vanno per il meglio: di fatto si sta ancora attingendo alla graduatoria del 2016, con quella del 2017 che risulta essere ancora in istruttoria; nel frattempo però è stato rifatto, dal 2019, sempre grazie alle opposizioni, un bando per chi ha necessità di accedere nell’edilizia residenziale pubblica in riferimento all’annualità 2023 e si è già in attesa di quello relativo all’annualita corrente che dovrà uscire entro il 30 settembre 2024. Un caos che colpisce sempre e solo i cittadini più fragili che noi, come opposizione, abbiamo il dovere di difendere.”


Print Friendly and PDF

TAGS