Case Erp di San Gregorio, De Santis: “Un degrado indegno di una comunità civile!”

di Redazione | 13 Gennaio 2022 @ 16:29 | POLITICA
lelio de santis
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Da tempo ho segnalato la condizione di completo abbandono del complesso residenziale di edilizia popolare nella frazione di San Gregorio, trascurato totalmente dall’amministrazione comunale sia nella sua programmazione futura che nella cura della manutenzione quotidiana”.

Lo afferma Lelio De Santis, Capogruppo Cambiare insieme al Comune di L’Aquila.

“Circa 15 famiglie vivono tuttora in mezzo a rifiuti edilizi, suppellettili abbandonate, sporcizia di ogni tipo, senza che il Comune disponga la pulizia e la raccolta di tali rifiuti, quasi che quell’area non faccia parte della città! – aggiunge De Santis -. La vicenda di questo complesso edilizio viene da lontano, ma l’attuale Esecutivo comunale non lo ha degnato di un minuto di attenzione in questi quasi 5 anni, né pensando ad una eventuale demolizione per bonificare tutta l’area, né pensando a fare la indispensabile manutenzione e pulizia. Ancora più grave è il fatto che gli alloggi lasciati liberi da inquilini, che hanno avuto le abitazioni nel progetto Case, sono ancora a loro disposizione per usi impropri ed abusivi! Ho chiesto e torno a risollecitare gli Assessorati al Patrimonio ed al Sociale ad occuparsi del problema, rimuovendo le attuali condizioni di sconcezza ambientale e pensando ad un destinazione dignitosa e funzionale ad uno sviluppo adeguato della frazione di San Gregorio. Non si può pensare ai grandi progetti del Pnrr o ai tanti interventi previsti nel PUMS senza essere capaci di occuparsi dei tanti problemi della vita quotidiana ed alla soluzione di emergenze ambientali di vita ordinaria, soprattutto nelle frazioni abbandonate al logo destino”.

De Santis conclude: “Una buona amministrazione si qualifica a cominciare da come affronta i problemi della vita quotidiana dei cittadini e non solo immaginando grandi realizzazioni, che rischiano solo di illudere e di restare poi nei cassetti”.


Print Friendly and PDF

TAGS