Carsoli, al via l’evento “Sviluppo del turismo speleologico abruzzese”, il programma

di Redazione | 08 Luglio 2022 @ 16:48 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

CARSOLI  –  L’evento “Sviluppo del turismo speleologico abruzzese” avrà il via a Grotte di Pietrasecca il 9 e 10 luglio 2022. Un due giorni intenso che unisce turismo ed istituzioni. 
Di seguito il programma: 

 

Sabato 9
Ore 9.30: apertura convegno e saluto istituzionale
Velia Nazzarro – Sindaco di Carsoli
Salvatore Callipo – Presidente Comitato Gestione Riserva Naturale delle Grotte di
Pietrasecca.
Ore 9.30 – 12.30: convegno dedicato allo sviluppo del turismo speleologico
abruzzese.
Moderatore: Luciano Di Martino – Direttore Parco Nazionale della Maiella
Interventi:
Gabriele la Rovere – Presidente Federazione Speleologica Abruzzese
Mauro Panzanaro – Presidente Gruppo Speleologico Aquilano onlus
Mariano Spera – Parco Nazionale della Maiella
Silvano Agostini – CAAM (Centro di Archeomatica Archeometria e Microanalisi)
Università G. D’Annunzio CH-PE
Mattia Iannella – Gruppo Grotte e Forre Aq e Università degli Studi dell’Aquila
Gianluca Ferrini – Università degli Studi dell’Aquila
Alberto di Fabio – Responsabile CaGRA, Catasto Grotte Regione Abruzzo
Antonella Salomone – Gruppo di Ricerca di Archeologia Industriale della Majella
Lorenzo Di Giovanni – Presidente APS MAJELLA
Ore 12.30-14.00: Tavola rotonda dedicata allo sviluppo dell’attività turistica
speleologica
Ore 19.00: “Sulle onde del pipistrello” – Una passeggiata didattica nei dintorni delle
grotte muniti di bat detector.. alla ricerca dei pipistrelli!
Ore 21.30: Musica dal vivo con N’ Emy all’insegna del pop, rock, soul e R&B, mista ai
frizzanti successi evergreen anni ’70-’80 per divertirci insieme sulle note di brani
italiani e stranieri racchiusi in un cocktail di generi musicali.
Voce: N’ Emy
Chitarra: Stefano Millimaggi
Basso: Jackson Bizimana
Batteria: Gian Marco Brugnoli
Sabato e Domenica:
Mostra fotografica a cura di uPIX – Fotografia Ipogea “Grotte e miniere d’Abruzzo”
Stand gastronomici, venditori ed artigiani locali nella zona accoglienza della riserva.

 


Print Friendly and PDF

TAGS