Caro-bollette: ricorso di Usb e Abaco contro gli aumenti

L'unione sindacale di base, insieme ad Abaco, organizza a raccolta dei reclami da parte dei cittadini per denunciare la mancata informazione agli utenti del cambiamento dei prezzi energetici nel 2022

di Redazione | 10 Novembre 2022 @ 08:50 | UTILI
bolletta gas
Print Friendly and PDF

PESCARA – Usb, insieme all’associazione di consumatori Abaco, ha presentato il 3 ottobre 2022, alla procura di Roma e alle procure dei capoluoghi di regione, un esposto contro le ‘speculazioni’ che stanno portando ai rincari delle bollette e organizza a livello locale la raccolta dei reclami da parte dei cittadini per denunciare la mancata informazione agli utenti del cambiamento dei prezzi energetici nel 2022, per segnalare la “mancata tutela dei consumatori da parte degli Enti pubblici di controllo sui prezzi, per richiedere alle aziende erogatrici del servizio di luce e gas il rimborso degli aumenti generati dalla speculazione”. 

“Usb Abruzzo è a fianco dei cittadini e delle cittadine – si legge in una nota – e propone azioni concrete contro l’aumento ingiustificato delle tariffe energetiche. Il carovita ha raggiunto livelli insostenibili per lavoratori e famiglie. Gli aumenti delle tariffe elettriche, della benzina, dei beni di prima necessità e dei generi alimentari stanno erodendo il potere d’acquisto delle famiglie e riducendo drasticamente la qualità della vita di milioni di persone. Circa il 25% delle buste paga dei lavoratori è ormai destinato a pagare le bollette della luce e del gas e si prevedono aumenti che porteranno il costo medio dell’elettricità per famiglia a 1.322 euro annui. Gli aumenti sono dovuti principalmente alle aziende energetiche che , a causa della speculazione e dei mancati controlli da parte degli Enti di vigilanza statali, approfittano della guerra e accrescono a dismisura i propri utili aumentando il valore delle materie energetiche molto al di sopra del loro costo effettivo. Le aziende che erogano il gas e l’elettricità realizzano profitti iperbolici dopo aver pagato il gas al suo prezzo reale e rivendendolo a cittadini e imprese al prezzo stabilito dalla speculazione”.

“Più di 40 miliardi di questi extra profitti – continua la nota dell’Usb abruzzese – oggi sono nelle casse delle aziende, quasi tutte a maggioranza azionaria di istituzioni pubbliche, statali e locali. La trasformazione in aziende a regime privato, anche se a maggioranza azionaria pubblica, ha consentito la scomparsa di qualsiasi agevolazione per le famiglie a basso reddito e enormi guadagni per le aziende che non hanno alcun obbligo formale di tutela dei cittadini. Anche in Abruzzo USB e A.Ba.Co. hanno predisposto una procedura gratuita per consentire a ogni cittadino di far sentire la propria voce e sottoscrivere il reclamo.

Tutti i lunedì dalle ore 10:00 alle ore 12:00 è possibile attivare la procedura presso le nostre sedi di:
  • Pescara in Via G. Mezzanotte 42 – tel. 085 8964314
  • Lanciano in Via V. Veneto 7 – tel. 0872 44336
  • Teramo in Via Guido II 15 – tel. 0861 737408
Usb ricorda che “è necessario portare con sé copia delle ultime bollette con gli aumenti e di quelle precedenti dello stesso periodo dell’anno appena trascorso”.
 

Print Friendly and PDF

TAGS