Caro bollette, D’Angelo: “Impatto devastante su attività montane”

Il capogruppo di ‘L’Aquila al Centro’: "Auspichiamo che il nuovo governo, che nelle intenzioni ha mostrato di avere a cuore il problema dell’energia, mostri sensibilità verso un settore che già esce da anni molto difficili"

di Redazione | 29 Settembre 2022 @ 18:39 | ATTUALITA'
caro bollete
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Il rincaro energetico rischia di gravare in proporzioni devastanti sul settore ricettivo, già provato dalla pandemia e, nei nostri territori, da due eventi sismici. In particolare le strutture di montagna, per fronteggiare le temperature più rigide rispetto ai contesti urbani e garantire ai clienti un adeguato riscaldamento dei locali, si trovano ad affrontare costi proibitivi. Si tratta di una delle ricadute di una situazione difficile per tutti ma che per alcuni settori rischia di diventare insostenibile”. Lo dichiara Daniele D’Angelo, capogruppo di ‘L’Aquila al Centro’ al Comune dell’Aquila e capolista di ‘Noi Moderati’ alle elezioni politiche.

“Spesso per queste attività – aggiunge D’Angelo – l’alternativa è fra un aumento dei prezzi, che però si abbatterebbe su una clientela a sua volta colpita dal caro bollette e porterebbe alla diminuzione del numero degli avventori, o il mantenimento di prezzi invariati che non permette di avere ricavi sufficienti a coprire le spese. Le prime chiusure di locali, che già sui media vengono definite una specie di ‘lockdown energetico’, testimoniano la gravità della situazione specifica in un quadro complesso per tutti. Auspichiamo che il nuovo governo, che nelle intenzioni ha mostrato di avere a cuore il problema dell’energia, mostri sensibilità verso un settore che già esce da anni molto difficili”.


Print Friendly and PDF

TAGS