Carcere di Sulmona, Di Girolamo incontra i vertici del Dap e porta a casa importanti promesse

di Redazione | 22 Luglio 2020 @ 10:37 | ATTUALITA'
carcere di Sulmona
Print Friendly and PDF

SULMONA –  Continuano le polemiche che riguardano il carcere di Sulmona. “Dopo aver raccolto il grido d’aiuto del cartello sindacale, la senatrice pentastellata Gabriella Di Girolamo non si è accontentata di fare un’interrogazione parlamentare ma ha voluto chiedere, ottenendolo, un incontro direttamente con il nuovo Capo del Dipartimento Dino Petralia e con il  DG del Personale Massimo Parisi” così dichiara il sindacalista UIil Cst Maurdo Nardella.
 
“Che non ci si potesse aspettare l’invio in pieno periodo di ferie estive di un contingente di polizia penitenziaria –  aggiunge – c’era da aspettarselo ma avere buone notizie per il futuro era un auspicio al quale non ci si poteva ricevere un niet da parte dei vertici dell’amministrazione penitenziaria. E così è stato. Ad un primo approccio non certo entusiasmante si sono susseguite ottime intese  come ad esempio l’accoglimento, così come prospettato dal Cartello sindacale unitario e  seppur subordinato ad una propedeutica richiesta che dovrà essere avanzata dalla Direzione del carcere, della  soppressione del reparto collaboratori. Il tutto a vantaggio di un più ampio e sicuro reparto per le udienze in videoconferenza ed il recupero di almeno 20 unità di polizia penitenziaria da ridistribuire in altre unità operative. Se a ciò aggiungiamo il fatto che il Direttore Generale Parisi ha promesso alla Senatrice del Movimento cinque stelle per l’apertura del nuovo padiglione l’invio a dicembre  di un cospicuo numero di nuovi agenti si potrà  certamente affermare che la Di Girolamo è stata per il Carcere di Sulmona davvero una produttiva ambasciatrice”.
 
“Il terreno è stato preparato. Toccherà al Direttore del carcere ora indirizzare bene  il tutto affinché si coltivino buone speranze. Il cartello sindacale unitario intanto ringrazia”, conclude Nardella.

Print Friendly and PDF

TAGS