Cappato si autodenuncia per il suicidio assistito di Elena

di Redazione | 03 Agosto 2022 @ 18:42 | CRONACA
cappato
Print Friendly and PDF

MILANO – Il tesoriere dell’associazione ‘Luca Coscioni’, Marco Cappato, si è presentato ai carabinieri a Milano per autodenunciarsi dopo avere accompagnato in Svizzera Elena, 69enne malata oncologica che aveva deciso di ricorrere al suicidio assistito. Insieme a Cappato, anche la sua avvocata Filomena Gallo.

“Voglio ringraziare il marito e la figlia di Elena per la fiducia e la vicinanza che anche in queste ore non hanno mancato di fare sentire” ha detto Cappato.

“Di fronte alla richiesta di Elena, che non aveva altre possibilità se non quella di mettere a rischio la libertà di suo marito e di sua figlia – ha aggiunto Cappato –  potevamo lasciarla col suo problema, girare la testa dall’altra parte o farci carico e assumerci la responsabilità di dare l’aiuto che cercava e chiedeva. Naturalmente facendolo alla luce del sole e assumendoci totalmente la responsabilità di questo. In queste ultime due legislature non è mai stata discussa nemmeno un minuto la nostra legge di iniziativa popolare presentata 9 anni fa e ora con lo scioglimento delle camere è decaduta”.

“Abbiamo depositato l’autodenuncia – ha spiegato l’avvocata Gallo – che evidenzia l’aiuto al suicidio fornito alla signora Elena sin dai primi contatti, l’accompagnamento in Svizzera, le fasi durante la permanenza presso la struttura a Basilea, anche di interpretariato della modulistica che la signora ha dovuto firmare a ulteriore conferma della sua volontà di voler procedere. Ora è tutto in mano alle forze delle ordine e sarà trasmesso alla magistratura. Evidenziato nell’autodenuncia anche l’aiuto che Marco Cappato fornirà alle persone che vogliono decidere sul proprio fine vita”. 

(ITALPRESS)


Print Friendly and PDF

TAGS