Capitale della Cultura 2022, il giornalista Antonio Polito: “A L’Aquila medaglia al valore”

di Redazione | 20 Gennaio 2021, @09:01 | L'AQUILA CAPITALE CULTURA
il giornalista Antonio Polito: "A L'Aquila medaglia al valore"
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Devo confessare che, pur nella mia terzietà, una simpatia ce l’avevo per l’Aquila. Questa città, così colpita dal terremoto dodici anni fa, e così capace di rimettersi in piedi, mi ha sempre commosso per la sua bellezza e la sua – come si direbbe oggi – resilienza. Tanto che penso che meriti un premio di consolazione, una specie di medaglia al valore, anche per lenire la delusione di non essere arrivata prima”.

Così il giornalista Antonio Polito ha espresso sul Corriere della Sera la propria simpatia per L’Aquila, una delle 10 finaliste nella corsa per il titolo a Capitale della cultura 2022 poi vinto da Procida, “Da quel 6 aprile del 2009 in cui il sisma seppellì una città d’arte sotto 33 milioni di tonnellate di macerie, L’Aquila, anche grazie ai suoi amministratori, ha fatto grandi passi. Non sempre spediti, siamo in Italia, ma certo molto più di quanto è toccato in sorte ad altri luoghi dimenticati dopo terremoti anche più recenti”. 

Polito propone una medaglia al valore al capoluogo abruzzese come premio di consolazione.

“Questa città, così colpita dal terremoto dodici anni fa, e così capace di rimettersi in piedi, mi ha sempre commosso per la sua bellezza e la sua – come si direbbe oggi – resilienza. Tanto che penso che meriti un premio di consolazione, una specie di medaglia al valore, anche per lenire la delusione di non essere arrivata prima”.

Con la Perdonanza proclamata dall’Unesco patrimonio immateriale dell’umanità

“Penso dunque che non dispiacerebbe ai procidani se oggi, insieme a loro, si festeggiasse anche un’altra capitale della cultura italiana: l’Aquila”, conclude Polito.


Print Friendly and PDF

TAGS