Capestrano, Maria Grazia Lopardi e il Quadrato magico del Sator

di Redazione | 30 Gennaio 2024 @ 17:29 | EVENTI
MARIA GRAZIA LOPARDI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Sabato 3 febbraio 2024 alle ore 17 a “la Dama di Capestrano” si terrà il Finissage collettiva Squares e l’incontro con la scrittrice Maria Grazia Lopardi dal titolo “Il Quadrato magico del SATOR e il segreto della geometria sacra”.
In occasione del finissage della collettiva Squares – ideata da Barbara Pavan e curata da Simonetta Caruso e Letizia Perticarini – una mostra internazionale che indaga il quadrato attraverso l’arte contemporanea – “la Dama di Capestrano” ha invitato Maria Grazia Lopardi. La nota scrittrice aquilana – che da molti anni
rivolge la sua attenzione all’Insegnamento Tradizionale ed al Simbolismo – ha partecipato come relatrice a
numerosi convegni e a trasmissioni televisive locali e nazionali per raccontare e svelare i misteri de “Il
quadrato magico del SATOR e il segreto della geometria sacra”. Un quadrato magico di questo tipo lo
troviamo proprio a Capestrano, in San Pietro ad Oratorium, un’abbazia immersa nel bosco sulla riva sinistra del fiume Tirino, voluta da Re Desiderio, ultimo re longobardo e restaurata nel XII secolo quando assume forme romaniche. Fu durante il restauro che nella facciata venne inserito un blocco di pietra su cui sono scolpite le cinque parole sovrapposte “rotas opera tenet arepo sator” con la peculiarità, però, di essere “rovesciato”. Ma non solo a Capestrano troviamo il SATOR. Ce n’è uno anche al duomo di Santa Maria Assunta in Siena e nei resti della città di Pompei, tra le rovine romane in Ungheria e sull’Eufrate, in
manoscritti medievali, su papiri ed amuleti etiopi e copti e sulle pareti di svariate chiese europee. Un tema
dunque di grande attenzione per la popolazione locale ma anche per tutte le persone interessate ai simbolismi e ai loro significati. E’ infatti uno dei più antichi esempi di quadrato magico, un’iscrizione latina a griglia con la scritta – una frase palindroma il cui significato è a tutt’oggi ancora controverso.

Ricordiamo le pubblicazioni della scrittrice: Il Collemagico di Celestino – Japadre editore, l’Aquila, che ha
conseguito il 4° posto al Premio letterario internazionale Victor Hugo nel 2002; I Templari ed il Colle
magico di Celestino – edito da Idea Libri, Rimini e in seconda edizione da Barbera- Siena; Notre Dame di
Collemaggio – conoscenze e Misteri degli antichi costruttori edizioni con Giannandrea Capecchi Il Ternario
2004, Roma, Arkeios 2009 in seconda edizione; La Presenza – Celestino ed il tesoro dei Templari a cui è
stato assegnato il secondo premio nella categoria inediti al Premio internazionale di letteratura
naturistica Majella nel 2003 riedito da Arkeios 2010 con il titolo Celestino V e il tesoro dei Templari,
arricchito di una seconda parte; Il Cammino del perdono – dall’eremo del Morrone a L’Aquila sui passi di
Celestino- con Maria Rita Acone e Gabriella Liberatore – Betagamma editrice Viterbo 2007; Il Quadrato
Magico del SATOR -Il segreto dei maestri costruttori, Edizioni Mediterranee 2006; Architettura sacra
medievale -Mito e geometria degli archetipi Edizioni Mediterranee 2009; Celestino V e il tesoro dei
Templari-Arkeios 2010 (per il quale nel 2011 è stata premiata nell’ambito del concorso “Premio ricerca nel
Mistero”); “Il Graal custodito dai Templari-La luce del cielo notturno”- ed. Arkeios, 2011; La danza sul
labirinto-l’in-Canto unico della vita-Arkeios 2014; La Divina Commedia e il simbolo nascosto-Youcanprint
2014; Voci dall’Anima. La Dea e l’Arcangelo-Youcanprint 2015; Geometria sacra, simboli, sincronicità. Lingua degli uccelli, musica degli angeli, Arkeios 2019; Viaggio nell’Apocalisse. Il tempo del
risveglio, Youcanprint 2021; Il manuale segreto del maestro Hiram, Architetto del tempio di Salomone,
Youcanprint 2023.
L’incontro è aperto a tutti fino ad esaurimento posti – “la Dama di Capestrano”, Via Aquila 7, Capestrano (AQ).


Print Friendly and PDF

TAGS