Campo di Giove, Pietrucci: “Ritardi della Regione per medico di famiglia”

di Redazione | 29 Marzo 2021 @ 11:22 | POLITICA
Pietrucci
Print Friendly and PDF

CAMPO DI GIOVE – “A Campo di Giove il medico di famiglia ha rinunciato all’incarico lasciando nell’incertezza della sua sostituzione tutta la popolazione residente. Intrattengo da giorni una interlocuzione serrata con Liborio D’Amore, consigliere comunale di Campo di Giove, che si sta battendo per ottenere lo spostamento temporaneo, nelle more della nuova assegnazione del medico di famiglia, di una guardia medica del territorio”.

Così il  consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, che ha aggiunto: “I medici di famiglia e i pediatri del territorio sono la prima linea di difesa della salute, specialmente adesso che il Covid ha gettato nel terrore i più fragili, come bambini e anziani; quando un medico di famiglia per qualsiasi motivo cessa il suo incarico e non viene prontamente sostituito viene a mancare l’avamposto di un pezzo di sicurezza, anche psicologica, per tutti i cittadini. Le difficoltà si decuplicano poi per i paesi delle aree interne dove la popolazione è poca e le distanze tra piccole frazioni risultano disagevoli; si tratta di realtà dove il più delle volte non ci sono servizi sanitari adeguati: niente ospedale, nessun punto di primo intervento né infrastrutture che consentono di poter viaggiare velocemente e in sicurezza”.

“Si tratta di Comuni dove, nella vacatio spesso semestrale del medico di famiglia, se ne assegna temporaneamente uno di un altro Comune distante diversi chilometri dove si fa fatica ad arrivare con i mezzi pubblici: per gli anziani diventa un vero calvario. Il medico di Cansano ha generosamente fornito la sua disponibilità a visitare i pazienti di Campo di Giove nel proprio ambulatorio, ma questa soluzione temporanea non giustifica il fatto che la situazione avrebbe dovuto essere affrontata per ora e per tempo. E invece – prosegue – non ci sono state la prontezza e la sensibilità necessarie da parte della Regione che sempre più spesso lascia da soli i Sindaci. Nonostante infatti siano stati individuati formalmente solo dal 1 marzo gli ambiti vacanti, la situazione a Campo di Giove era nota da tempo; tra l’altro la Regione ha, tra i suoi poteri, quello di adottare procedure tese allo snellimento burocratico e all’abbreviazione dei tempi necessari al conferimento degli incarichi”.

“Per Campo di Giove – conclude Pietrucci –  si registra invece la sola sensibilità del collega Americo Di Benedetto che, in costante raccordo con il Sindaco, sta cercando di fornire una risposta certa e quanto più veloce possibile ai cittadini: ad entrambi va tutto il mio sostegno in questa battaglia di civiltà”.


Print Friendly and PDF

TAGS