Cambise, bocciato emendamento tribunali minori d’Abruzzo

Da considerare l'accorpamento Avezzano, Sulmona, Vasto e Lanciano

di Redazione | 08 Novembre 2021 @ 10:10 | ATTUALITA'
Il Tribunale di Sulmona
Print Friendly and PDF

Dopo l’inaspettata bocciatura della Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, è stato dichiarato inammissibile anche l’emendamento dell’Onorevole Colletti, che prevedeva la proroga fino a dicembre 2024 dei 4 Tribunali cosiddetti minori d’Abruzzo. A questo punto – incalza l’avv. Cambise -l’unica strada percorribile è l’eventuale accorpamento Avezzano – Sulmona e Vasto – Lanciano. Avezzano potrebbe trattare le cause penali, Sulmona quelle civili o viceversa, Vasto quelle penali e Lanciano quelle civili, o viceversa. Il campanilismo allontana i territori e la politica, e insiste riguardo l’occorrenza di andare oltre i confini ed unire i territori.

Quando arrivano nuovi investimenti in un determinato territorio, questo deve essere messo in condizione di esprimere tutte le proprie potenzialità attraverso un’economia sana. Nel 2022 Amazon aprirà un nuovo polo logistico a San Salvo, mentre  a Vasto c’è anche un porto commerciale importante presso cui vengono effettuate le operazioni di sbarco/imbarco, stoccaggio e ricariche di ogni genere di merce. L’avv. Cambise prosegue ribadendo ancora una volta che ad Avezzano c’è anche la sede distaccata di Giurisprudenza dell’Università di Teramo. Non dimentichiamoci che detta sede distaccata dal 2004, anno di apertura, a tutt’oggi ha rafforzato la funzione fondamentale del Tribunale e ha formato molti giovani, facendo risparmiare risorse alle famiglie e offrendo un servizio qualificato e di tutto rispetto. Inoltre, la Convenzione tra l’Università di Teramo e il Tribunale di Avezzano, firmata il 13 dicembre 2012, consente agli studenti iscritti nella Facoltà di Giurisprudenza al V anno di effettuare un tirocinio presso gli Uffici Giudiziari del Tribunale. L’avvocato in seguito conclude che l’Abruzzo ha bisogno di Strutture Giudiziarie innestate nel loro contesto di vita e non a chilometri di distanza e che ogni cittadino rifletta e si dia da fare per scongiurare che tali malaugurate eventualità possano definitivamente piombarci addosso.


Print Friendly and PDF

TAGS