Callcenter Tecnocall, in smart working gran parte degli operatori

di Redazione | 03 Novembre 2020 @ 17:02 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Il ricorso in questi giorni ad alcuni rientri nella sede operativa dell’Aquila, nell’ordine di meno di 10 dipendenti, è stato dovuto esclusivamente alla necessità di salvaguardare i livelli minimi di servizi e in ogni caso, in concerto con i sindacati tutti: in particolare, è stata disposta una rotazione del personale in misura ridotta così da rispettare i parametri di sicurezza, in particolare con lo smart working”.

Così l’amministratore unico, Gesualdo Ranalletta, della società di gestione di call center “Tecnocall” nel fare il punto delle modalità di lavoro nella sede dell’Aquila.

“La preoccupazione espressa da alcuni dipendenti ci risulta non solo eccessiva, ma pretestuosa di fronte allo sforzo che puntualmente la società Tecnocall srl mette in campo in tutti i suoi siti abruzzesi per fronteggiare ogni ipotetico contatto e contagio”, continua l’amministratore il quale sottolinea che “la società, da sempre è impegnata a rispettare tutte le regole legate alla normativa Covid 19 fin dall’inizio della pandemia, nel marzo scorso, ha favorito il più possibile l’attuazione di tutte le misure che consentissero lo svolgimento della attività lavorativa nel più assoluto rispetto della salute dei lavoratori, compresa l’attività di smart working estesa alla quasi totalità dei dipendenti e collaboratori”.

Il gruppo Tecnocall ha tre siti operativi a L’Aquila, Avezzano e Pescara e dà lavoro complessivamente a circa 400 persone.


Print Friendly and PDF

TAGS