Borse di studio, protesta all’Emiciclo: Regione sorda, nonostante la pandemia

di Redazione | 23 Aprile 2021 @ 16:09 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Questa mattina come coordinamento regionale UDU (UDU L’Aquila, UDU Teramo e 360 gradi Chieti-Pescara) siamo scesi in piazza per denunciare, ancora una volta, la situazione di quasi 2000 studentesse e studenti che da 130 giorni sono idonei ma non beneficiari di borsa di studio in Abruzzo, di cui oltre 1300 a Chieti, 367 all’Aquila e circa 200 a Teramo, per la mancanza di fondi regionali.
Il 5 marzo abbiamo iniziato, dopo mesi di tentativi di dialogo con la Regione Abruzzo, un percorso di mobilitazione che oggi ci ha portati davanti al palazzo dell’Emiciclo a L’Aquila.
Siamo sbalorditi di come neanche la crisi sanitaria, economica e sociale correlata al COVID-19 abbia aumentato la sensibilità politica della nostra regione rispetto alle esigenze e ai bisogni degli studenti universitari, abbandonati a se stessi senza i fondi necessari per iniziare o continuare i propri studi.
Il nostro obiettivo, come da mesi, è la copertura integrale di tutte le borse di studio universitarie della Regione e non ci fermeremo fino a quando non sarà raggiunto, convinti che nessuno debba essere lasciato indietro. Le istituzioni competenti a seguito della nostra mobilitazione devono prendere definitivamente atto della gravità della situazione e agire di conseguenza prima che sia troppo tardi.
Noi lotteremo fino alla fine per l’affermazione dei nostri diritti, convinti che il diritto a studiare, anche in Abruzzo, sia il presupposto per un mondo migliore e più giusto.!


Print Friendly and PDF

TAGS