Bilancio comunale, prosegue il lavoro delle commissioni: Imu invariata

di Alessio Ludovici | 29 Marzo 2022 @ 06:00 | ATTUALITA'
centri diurni
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – In commissione Bilancio del consiglio comunale prosegue l’esame dei documenti propedeutici all’approvazione del bilancio comunale. In apertura di seduta si è recuperato il punto saltato venerdì sulla verifica della qualità e quantità di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie, che potranno essere ceduti in proprietà od in diritto di superficie del Comune. Riguarda soprattutto le aree Peep e con la delibera, ha spiegato Colonna, “si approva l’importo orientativo per il 2022 per il prezzo di cessione delle aree”. In zona 1, Santa Barbara,  70 euro mq, in zona 2, Pettino, 65/mq, zona 3 Cansatessa e Coppito, 60euro/mq, prezzi da rivalutare con gli indici Istat.

Successivamente è stata approvata la delibera sulle aliquote e detrazioni Imu per l’anno 2022. Tutto invariato rispetto all’anno passato. Il vicesindaco e assessore al Bilancio, Raffaele Daniele non ha nascosto di aver “provato anche quest’anno a mettere le mani sulle aliquote e detrazioni ma si è rivelata un’impresa superiore a quello che potevamo provare ad immaginare”. Le tariffe, per quanto riguarda la competenza del comune su questa imposta nazionale, restano quindi dello 0,60% per l’abitazione principale, 1,01 sui terreni agricoli e immobili produttivi, e su seconde case. 

Confermata anche l’esenzione per i dehors dei locali di somministrazione ma questa volta, esaurita l’emergenza covid, si dovranno usare risorse proprie dell’enti, circa 360mila euro appostate per la copertura della misura. 

La Commissione, a causa di assenze nelle maggioranza, si è quindi sciolta per mancanza del numero legale quanto doveva discutere le riduzioni dello scorso anno per quanto riguarda la Tari. Riduzioni confermate del 70% per le palestre e 50% per alberghi, agriturismi, b&b, pizzerie, pub, ristoranti, 25% per le altre attività commerciali. Una novità l’aumento della riduzione Tari sulle seconde case non abitate, l’anno scorso 15%, quest’anno 90%. Ma il punto andrà ripreso nella prossima seduta della commissione Bilancio.

 


Print Friendly and PDF

TAGS