Belgio in lockdown, Ok dal Governo per compagni di “coccole”: ai single ne spettano 2

di Cristina D'Armi | 15 Novembre 2020 @ 06:29 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

Mentre nel nostro paese non è possibile vedere coniugi o amici nelle zone rosse, ed è “fortemente raccomandato”  fare altrettanto nelle zone arancioni e gialli, in Belgio la situazione è ben diversa: il governo ha concesso ad ogni persona un “amico di coccole”, l’unica persona da poter frequentare al di fuori dal nucleo familiare. I single hanno la possibilità di averne addirittura due.  Il knuffelcontact, letteralmente “compagno di coccole”, appunto, è stato pensato soprattutto per chi vive solo confinato nelle mura di casa. ù

Il Belgio ha raggiunto i 500mila casi e i morti sono oltre 13mila, quindi, per evitare che gli incontri con i “knuffelcontact” non diventino degli escamotage per riunire gruppi di amici di vecchia data, dovranno essere seguite regole ben precise.

Prima di tutto c’è da chiarire che ogni membro della famiglia ha diritto ad un compagno di coccole, ma solo un alla volta potrà essere invitato in casa. Mentre, chi vive solo, avrà la scelta se invitare l’amico di coccole 1 o 2, mai entrambi contemporaneamente. Chi vive da solo o con figli minorenni può formarne una bolla di compagni con un altro nucleo famigliare di qualsiasi grandezza, ma chi vive con altri adulti, famigliari compresi, può unirsi solo a single che vivono da soli e che non sono già parte di un’altra bolla. I membri di una bolla possono farsi visita e fermarsi a dormire, possono uscire insieme e non devono tenere il distanziamento sociale. La support bubble è stata istituita per la prima volta, nel corso del primo lockdown, dal governo della Gran Bretagna  dove, ad oggi, è tuttora valida.

E se una persona si dovesse stufare di uscire sempre con lo stesso amico di coccole? E se si vuole cambiare bolla? Su questo il governo ha preso una decisione ferrea: una volta che si entra a far parte di una bolla non si può formarne un’altra.


Print Friendly and PDF

TAGS