Barete, mercoledì l’inaugurazione della nuova sottosezione del Cai

di Redazione | 07 Dicembre 2021 @ 12:33 | EVENTI
Barete
Print Friendly and PDF

BARETE – Mercoledì 8 dicembre 2021, alle ore 10.00, è prevista l’inaugurazione della sede della Sottosezione di Barete del Club Alpino Italia – Sezione dell’Aquila. La nuova sede è sita in via Ing. Federici, presso il Villaggio M.A.P. 6 aprile 2009 a Barete. Saranno presenti, oltre al Reggente della Sottosezione Umberto Mosca e ai dirigenti della Sezione dell’Aquila del Cai, anche i Sindaci dei Comuni dell’Alta Valle Aterno e i rappresentanti delle Associazioni del territorio.

L’incontro sarà un’occasione per ricordare i primi 5 anni di attività della Sottosezione e per discutere delle prospettive future, in vista di una possibile estensione del territorio di riferimento dal Comune di Barete al comprensorio integrale dell’Alta Valle Aterno. Sarà fatto resoconto esaustivo del programma 2021. Sarà inoltre illustrato dettagliatamente il programma per il 2022.

La Sottosezione di Barete nasce a dicembre del 2016 su iniziativa di diversi associati della Sezione dell’Aquila mossi dalla passione per la montagna. Il primo risultato raggiunto è stato il recupero e la conseguente gestione di una vecchia struttura divenuta, grazie alla disponibilità del Comune di Barete, il Rifugio Santa Pupa, posto nella Valle Donica a 1277 mt slm.

In questi cinque anni l’interesse suscitato con le attività e con i progetti realizzati ha superato l’ambito del Comune di Barete e oggi la Sottosezione può vantare un numero di oltre 60 associati,  provenienti per la maggior parte da tutti i Comuni della Alta Valle, tanto da prospettare – come detto – una denominazione della Sottosezione più rispondente alla composizione sociale.

L’inaugurazione della sede è solo il punto di partenza di un cammino che ha come obiettivo poter lavorare sempre più sul territorio e favorire così aggregazione, associazionismo, volontariato, nonché l’organizzazione di manifestazioni escursionistiche, culturali, formative, tenendo vivo l’interesse per una grande e storica istituzione nazionale come il Club Alpino Italiano.


Print Friendly and PDF

TAGS