Barattelli, il Trio Hermes porta suggestioni sonore con “Elegia notturna”

Giovedì 11 aprile ore 18.30, Auditorium del Parco

di Redazione | 10 Aprile 2024 @ 09:56 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – È previsto per giovedì 11 aprile all’Auditorium del Parco con inizio alle ore 18.30 l’ultimo appuntamento per la serie di eventi del Circolo Giovani Amici della Musica, nell’ambito della 78ma stagione della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”. Protagonista è il Trio Hermes, ensemble tutto al femminile formato dalla violinista Ginevra Bassetti, dalla violoncellista Francesca Giglio e dalla pianista Marianna Pulsoni.

Il Trio Hermes si è imposto all’attenzione del panorama musicale giovanile italiano fin dalla sua costituzione nel 2018, anche grazie ad una formazione d’eccellenza sotto la guida del Trio di Parma e di Pierpaolo Maurizzi, conseguendo brillantemente il titolo di Master di Secondo Livello in Musica da Camera presso il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma. Attualmente il Trio frequenta l’Accademia Walter Stauffer nella classe di Musica da Camera del Quartetto di Cremona.

Il Trio risulta già vincitore di concorsi nazionali ed internazionali, tra i quali l’European Music Competition “Città di Moncalieri” 2019. Nel 2021 è stato selezionato da Simone Gramaglia per aderire alla rete de “Le Dimore del Quartetto” e da Bruno Giuranna per prendere parte ai corsi di perfezionamento dell’Accademia Chigiana di Siena, esibendosi in concerto presso il Palazzo Chigi Saracini.

Il programma “Elegia notturna” è stato creato intorno alle immagini e alle suggestioni sonore dell’Elegia e del Notturno e i brani non saranno eseguiti in ordine cronologico di composizione, ma seguendo un percorso basato su comuni idee artistiche e musicali.

Si inizia con: “Sguardi – Elegia per violino, violoncello e pianoforte”, brano del giovane compositore Domenico Turi, che sta entrando nel repertorio di molti ensemble cameristici, per proseguire con il monumentale Trio in mi bem magg. D 897 “Notturno” di Franz Schubert.

Il viaggio prosegue con il Trio Elegiaco di Sergej Rachmaninov, dedicato alla morte di Čajkovskij, cui fa eco l’atmosfera di “Un breve racconto notturno” del compositore Fabio Massimo Capogrosso, autore prima formatosi ed ora docente al Conservatorio di Musica “A. Casella”. I Tre Notturni di Ernest Bloch, tre piccole gemme di rara bellezza e densità emotiva, chiudono il ciclo di questo programma.


Print Friendly and PDF

TAGS