Avvio del Registro del Terzo Settore per gli Enti

a cura di Italo Colasimone (commercialista)

di Redazione | 02 Dicembre 2021 @ 06:00 | AMMINISTRAZIONE E FISCO
terzo settore
Print Friendly and PDF

In attuazione di quanto previsto dal Codice del Terzo Settore, il Ministero del Lavoro ha istituito il Registro del Terzo Settore (“RUNTS”) regolamentandone le procedure per l’iscrizione e la cancellazione.

Con la pubblicazione sul sito del Ministero del Lavoro del DM n. 561 del 26/10/2021 è fissata al 23/11/2021 l’operatività del Registro unico nazionale del Terzo settore (“Runts”). Le Organizzazioni di volontariato (“OdV”) e le associazioni di promozione sociale (“APS”) già iscritte nei registri delle ODV e delle APS saranno iscritte di diritto nelle rispettive sezioni del RUNTS. Le OdV ed APS neocostituite non potranno più iscriversi nei registri regionali ma dovranno iscriversi nel nuovo RUNTS. Per gli altri enti no profit che intendono acquisire la qualifica di ente del Terzo settore (ETS), la presentazione della domanda di iscrizione agli uffici competenti del Runts decorre dal 24/11/2021.

Il RUNTS è un registro pubblico che prevede 7 sezioni:

  1. Organizzazioni di volontariato (OdV)
  2. Associazioni di promozione sociale (APS)
  3. Enti filantropici
  4. Imprese sociali, incluse le Cooperative sociali
  5. Reti associative
  6. Società di mutuo soccorso
  7. Altri enti del Terzo settore

Ciascun ente può chiedere, nella regione dove ha la sede legale, di iscriversi in una sola sezione.

Solo con l’iscrizione al RUNTS si ha l’opponibilità a terzi degli atti depositati e si ha il riconoscimento dei benefici, anche fiscali, per gli ETS.

Il registro sarà accessibile in via telematica da parte degli amministratori.

Chi vuole iscriversi al RUNTS deve, dopo essersi dotarsi di una pec ed una firma digitale,  autenticarsi al Portale “Front Office” e utilizzare l’apposita funzione. Alla domanda di iscrizione devono essere allegati i documenti richiesti, tra cui atto costitutivo e statuto, firmati in p7m e correlati dalla dichiarazione di conformità. Conclusa l’allegazione dei files il sistema genera una distinta della pratica, dalla quale risultano: mittente, ufficio destinatario, ente per il quale si presenta l’istanza e tipo di adempimento. Successivamente l’utente verifica la correttezza e, nel caso di esito positivo, la distinta deve essere: scaricata, sottoscritta digitalmente e nuovamente caricata sul sistema. Solo dopo si può procedere all’invio dell’istanza. Se la domanda è corretta entro 60 gg l’ufficio competente dispone l’iscrizione dell’ente nella sezione del RUNTS indicata nella domanda. Qualora non si ricevi una risposta la domanda si intende accolta.

Se la domanda non è corretta o incompleta, entro 60 gg, l’ufficio invita l’ente a completare la domanda o ad integrare la documentazione nei successivi 30 gg.


Print Friendly and PDF

TAGS