Avis: Attenti alle fake news sulla donazione di sangue

di Redazione | 19 Agosto 2020 @ 09:00 | SALUTE E ALIMENTAZIONE
Print Friendly and PDF

“I falsi miti sono forse uno dei più temibili nemici della scienza. E purtroppo possono influenzare anche le persone, persino in un gesto solidale e disinteressato come donare il sangue”.

Lo ricorda Gianpietro Briola, Presidente Avis Nazionale, con queste parole: “sicuramente uno dei più diffusi è il timore che l’ago possa far male: niente di più sbagliato. La donazione è un gesto semplice, veloce e indolore che viene effettuato a completa tutela della salute e della sicurezza del donatore e del ricevente. Altri falsi miti sono legati ai requisiti per poter donare: sottoporsi a piercing o tatuaggi non è un criterio di esclusione, ma devono passare quattro mesi. Nella donazione, inoltre, non esistono categorie a rischio, bensì comportamenti considerati pericolosi. Pertanto, in Italia anche gli omosessuali possono donare, con opportune precauzioni. Infine, il giorno della donazione non è necessario digiunare”.


Print Friendly and PDF

TAGS