Avezzano, spazio all’Agenzia delle Entrate nel nuovo municipio

Il vice sindaco Di Berardino vede la richiesta dell'ente percorribile

di Redazione | 19 Ottobre 2021, @10:10 | ATTUALITA'
Avezzano città aree verdi
Print Friendly and PDF

AVEZZANO  –  La giunta comunale affida al dirigente il compito di valutare la capienza del nuovo municipio in località di via Aldo Moro per verificare la possibilità di accogliere anche gli uffici territoriali dell’Agenzia ad Avezzano.
L’opportunità è stata valutata favorevolmente dall’amministrazione che, alla luce della drastica diminuzione del numero dei dipendenti rispetto a 15 anni fa, ha dato un ok di massima alla richiesta del direttore regionale: l’Agenzia delle Entrate necessita di locali per 68 dipendenti, più gli spazi per il fronte office e l’archivio. “Alla luce dei cambiamenti avvenuti negli ultimi anni, sia rispetto alla diminuzione del numero dei dipendenti dell’Ente, che all’acquisizione al patrimonio pubblico del piano terra inizialmente destinato alle imprese costruttrici”, afferma il vice sindaco, Domenico Di Berardino, “riteniamo percorribile la richiesta dell’Agenzia delle Entrate”. In quest’ottica la giunta ha affidato al dirigente di settore, l’architetto Antonio Ferretti, la verifica della capienza della nuova sede unica del Comune nel quartiere La Pulcina, con l’obiettivo di aprire le porte all’Agenzia delle Entrate. L’operazione, se andrà in porto, porterebbe importanti risorse nelle casse dell’Ente che, dopo la transazione con l’Irim che ha messo la parola fine al lungo contenzioso, punta a completare l’immobile dove, in prima battuta, si era pensato al trasferimento della sola Polizia locale in un’ala del nuovo municipio. I fondi attualmente disponibili, infatti, non consentono il completamento dell’intero stabile: per questo l’amministrazione Di Pangrazio ha partecipato al bando nazionale “rigenerazione urbana” che prevede la concessione di finanziamenti fino a 5 milioni di euro. Ora, però, la richiesta dell’Agenzia delle Entrate ha cambiato le carte in tavola: con i proventi dell’affitto, infatti, l’amministrazione avrebbe fondi certi ogni anno per accendere un mutuo e portare la storica incompiuta del contratto di Quartiere II alla meta.


Print Friendly and PDF

TAGS