Avezzano, il Portavoce UNICEF Iacomini incontra il Consiglio dei Bambini e dei Ragazzi

di Redazione | 27 Maggio 2024 @ 17:43 | ATTUALITA'
IACOMINI
Print Friendly and PDF

AVEZZANO – Si è svolto questa mattina, presso il Comune di Avezzano, il Consiglio dei Bambini e dei Ragazzi, in seduta straordinaria per il 33º anniversario della ratifica in Italia della Dichiarazione dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. 

L’iniziativa ha visto la partecipazione di numerosi giovani cittadini, che da tempo ormai, tramite il CBR, hanno l’occasione di interfacciarsi con il consigliere Simonelli, delegato alle Politiche giovanili, e con il governo cittadino, per esprimere le proprie idee e proposte.

Il Sindaco Giovanni Di Pangrazio, che ha aperto la seduta, ha espresso la sua soddisfazione per il successo dell’iniziativa. “Questo Consiglio è diventato una bellissima realtà che permette ai bambini di partecipare attivamente alla vita cittadina,” ha dichiarato il Sindaco. 

Un ringraziamento particolare è stato rivolto al Portavoce nazionale dell’UNICEF, Andrea Iacomini, la cui presenza ha conferito un significato profondo alla ricorrenza, e a Sua Eccellenza il Vescovo Giovanni Massaro, che ha mostrato una vicinanza affettuosa e molto apprezzata. A presenziare all’incontro era presente anche il Consigliere Mario Babbo. 

Durante la seduta, è stata discussa e votata favorevolmente all’unanimità la proposta avanzata dall’ACR diocesana di rendere Avezzano “Città della Pace”, un segno tangibile dell’impegno dei giovani consiglieri verso valori di solidarietà e convivenza pacifica. 

“Va espresso un sentito ringraziamento”, ha affermato il Consigliere Simonelli, promotore del progetto per l’istituzione del Consiglio dei Bambini e dei Ragazzi, “ai piccoli consiglieri e al giovane Sindaco Emi Chiuchiarelli, veri protagonisti della giornata, nonché ai dirigenti scolastici e ai docenti che hanno sostenuto con entusiasmo l’istituzione del CBR”. 

“Questa collaborazione, avviata ormai due anni fa, continua a rappresentare un modello virtuoso che, sicuramente, farà scuola ovunque”, conclude. 


Print Friendly and PDF

TAGS