Avezzano, Fondazione Carispaq acquisisce il Villino Cimarosa

di Redazione | 20 Maggio 2022 @ 14:29 | ATTUALITA'
villino Cimarosa
Print Friendly and PDF

AVEZZANO – Il Comune di Avezzano e la Fondazione Carispaq hanno presentato questa mattina l’intervento di riqualificazione e di restauro del Villino Cimarosa acquisito dalla Fondazione Carispaq, a seguito della procedura pubblica di alienazione del bene recentemente conclusasi.

Presenti all’incontro il Presidente della Fondazione Carispaq, Domenico Taglieri, il vicepresidente Roberto Marotta e i Consiglieri della Fondazione Nazzareno Mascitti e Giovanni Seritti. Per il Comune di Avezzano hanno partecipato il Vice Sindaco Domenico Di Berardino e l’Assessore Maria Teresa Colizza.

L’immobile, soggetto a vincolo di tutela dal Ministero della Cultura, è indubbio interesse storico-culturale, rappresentando uno dei pochi manufatti rimasti a memoria del campo di concentramento dei prigionieri Austro-Ungarici realizzato negli anni della prima guerra mondiale.

La Fondazione, ente senza scopo di lucro che opera esclusivamente per il perseguimento di scopi di utilità sociale e di sviluppo del territorio della Provincia dell’Aquila, ha acquisito l’immobile per destinarlo, una volta restaurato, a centro culturale polivalente a servizio dell’intera Comunità avezzanese per la realizzazione di eventi sociali e culturali di interesse pubblico. L’intervento mira anche a riqualificare l’area circostante con beneficio per l’intero quartiere.

Con l’intervento presentato oggi – dichiara il Presidente Taglieri – la Fondazione rafforza la presenza e l’attenzione dell’Istituzione per il territorio della Marsica e, in particolare, per la Città di Avezzano; l’iniziativa segue molti altri interventi già realizzati ad Avezzano, tra cui il completo restauro della scuola Montessori, la ristrutturazione dell’Aia dei Musei, il restauro del Memorial alle vittime del terremoto del 13 gennaio del 1915 su Monte Salviano, la riqualificazione di Piazza Risorgimento con la realizzazione della nuova fontana e, da ultimo, il finanziamento per il completo restauro del campanile della Cattedrale di San Bartolomeo.


Print Friendly and PDF

TAGS