Avezzano, domenica a Castello Orsini due spettacoli del Tsa

di Redazione | 07 Ottobre 2022 @ 18:41 | EVENTI
Print Friendly and PDF

AVEZZANO – Per Brif Braf, Il villaggio dei ragazzi, settima edizione, ad Avezzano, Castello Orsini, domenica 9 ottobre, il Teatro Stabile d’Abruzzo e Il Volo del Coleottero, presentano ben due spettacoli ad ingresso gratuito.

Alle ore 11.00 Storie vagabonde, Teatro a 4 ruote di e con Alessia Tabacco e Francesco Sportelli, scenografie e oggetti Il Laboratorio delle Forme, consulenza registica Alberto Zoina, una produzione   Teatro Stabile d’Abruzzo e Il Volo del Coleottero. 

Due “attori – musicisti – tuttofare” con tante cose da raccontare a qualcuno che viene lì per ascoltare, perché il teatro ogni volta possa rinascere.   Il teatro a quattro ruote arriva dappertutto e diventa il luogo nel quale la comunità si incontra e si racconta.  Storie classiche, filastrocche, albi illustrati che prendono vita, insieme a musiche, nenie e canzoni in un grande carrozzone a disposizione di chi ha voglia di fermarsi ad ascoltare. Le storie, le canzoni e le immagini dello spettacolo sono tratte dai maggiori autori classici e moderni che hanno lavorato per l’infanzia e non: Rodari, Piumini, Tognolini, Pennac, Roncaglia, Zavřel, Vaugelade, Lionni, Tulet, Mirò, Munari. 

Nel pomeriggio, alle 17.00, “Fame di pane” uno spettacolo teatral musicale con la regia di Mario Fracassi e con Francesco Sportelli e Alessia Tabacco. Acqua, sale, farina e lievito quattro elementi naturali e fondamentali per costruire un alimento antico e genuino, portatore di simboli e significati che appartengono a tutte le culture: il pane. Lo spettacolo, che rientra nell’ambito del progetto Sistema Cultura Abruzzo del TSA, non sarà solo immaginato e raccontato, durante la narrazione verranno coinvolti tutti i sensi: il pane prenderà forma, odore e sapore! Un’occasione per sviluppare un percorso di educazione alimentare, per affrontare le tematiche legate al pane dal punto di vista interculturale e generazionale. Si tratta di un modo giocoso per parlare di un cibo che tutti conosciamo, che sta alla base dell’alimentazione, per scoprire come si fa il pane, oggi, nei laboratori dei fornai, nella panetteria sotto casa e anche in casa. 


Print Friendly and PDF

TAGS