Avezzano: cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre

di Redazione | 02 Maggio 2021 @ 12:21 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

AVEZZANO – Liliana Segre, simbolo degli orrori di Auschwitz, cittadina onoraria della città di Avezzano.

Con voto unanime il consiglio comunale ha accolto la mozione con primo firmatario il sindaco, Gianni Di Pangrazio, che ha ripreso la proposta presentata dalla consigliera di minoranza, Lorenza Panei (Pd) dichiarata irricevibile dal presidente del consiglio, Fabrizio Ridolfi – poiché lo statuto dell’ente prescrive almeno cinque firme – ha prodotto un piccolo miracolo. 

Tutti i consiglieri comunali, civici, di destra, sinistra e centro, hanno sottoscritto la mozione illustrata dal consigliere, Ignazio Lucci, che ha sottolineato l’importanza del riconoscimento a una “delle ultime testimoni degli orrori di quegli anni bui, costretta a vivere sotto scorta”.   

Panei, soddisfatta per la grande prova unitaria per la cittadinanza unitaria a Liliana Segre, ha ringraziato il sindaco e il presidente del consiglio per aver portato celermente alla meta l’iniziativa. Il valore della scelta è stato sottolineato in aula anche dai consiglieri Nello Simonelli, Roberto Verdecchia, Concetta Balsorio, nonché da Tiziano Genovesi (Lega), Iride Cosimati (Fdi), Goffredo Taddei (Fi). L’ok dell’assise civica all’unanimità ha dato il via libera all’iter per la concessione della cittadinanza onoraria alla senatriceLiliana Segre, scampata miracolosamente agli orrori e alle violenze del campo di sterminio nazista di Auschwitz.   

“L’unità di intenti, stavolta su un valore universale che è quello della libertà e del rispetto delle persone, al di là del loro credo, religione o razza sancita dal consiglio comunale con voto unanime – sottolinea Gianni Di Pangrazio – è un motivo di orgoglio per tutta la città di Avezzano. Su questi principi indiscutibili e sulle cose importanti che interessano il nostro territorio occorre essere sempre uniti e fare gioco di squadra, lasciando da parte le bandiere. Oggi, qui, ad Avezzano, abbiamo dato una grande prova di civiltà”. 

Il sindaco auspica che la senatrice, in occasione del conferimento, accolga l’invito per tenere una “lectio magistralis” ai giovani studenti di Avezzano e della Marsica “nella speranza che quelle barbarie non avvengano mai più”.


Print Friendly and PDF

TAGS