Asm, pillole di inciviltà: ogni giorno 100 siringhe e 900kg di immondizia a terra nel solo centro storico

di Alessio Ludovici | 20 Settembre 2022 @ 06:00 | AMBIENTE
centro di raccolta
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Nella prima commissione di ieri, in cui si è discusso il contratto di servizio Asm, sono emersi alcuni dati interessanti durante l’intervento di Fabio Ianni, responsabile dell’organizzazione della partecipata comunale. Il più eclatante sono sicuramente i 900 kg di rifiuti che vengono gettati a terra ogni giorno nel solo centro storico. Un dato se vogliamo incredibile, ad ogni modo non giustificabile con il numero di cestini, troppo basso secondo diverse persone. 

A proposito di cestini, Asm deve svuotarne ben 1200 più i circa 500 del progetto C.a.s.e. Ovviamente incrementare questo numero senza incrementare le dotazioni finanziarie e di personale di Asm è il difficile, il facile è chiedere più cestini. 

L’inciviltà costa cara e, ad esempio, si è appreso che per smacchiare una scritta su un muro, fatta con una bomboletta da 5 euro, si possono spendere fino a 3mila euro.

Altra discussione classica della città del’Aquila è quella sui tombini otturati. Un problema serio. Ianni ha spiegato che le caditoie sono oltre 12mila che Asm pulisce periodicamente. Sono due i problemi sulle caditoie. Uno è legato ai cantieri, Asm pulisce ma a volte trova le caditoie totalmente cementificate e liberare il tubo, oltre alla caditoia, è ancora più complesso. L’altro è relativo al sistema di tubature sottostante con la cui realizzazione Asm non ha nulla a che fare. In certe zone della città, spiega Ianni, le caditoie possono essere anche pulite ma la tubatura è troppo piccole e se c’è una pioggia intensa la pressione spinge l’acqua fuori dalla caditoia. Questi casi sono monitorati da Asm, il più noto è quella della cosiddetta “rotonda” in cui l’acqua si accumula da San Giuliano. 

Inquietante il dato sul centinaio di siringhe che ogni giorno Asm raccoglie in diversi punti della città. Un dato che dovrebbe far riflettere altri settori delle istituzioni. 


Print Friendly and PDF

TAGS