Asm, in commissione il contratto di servizio: 22 lavaggi già effettuati nella nuova Piazza Regina Margherita

di Alessio Ludovici | 20 Settembre 2022 @ 06:00 | AMBIENTE
regina margherita
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Nella prima commissione – Programmazione e Bilancio – del consiglio comunale dell’Aquila, tenuta ieri mattina, è arrivato il contratto di servizio di Asm. Un contratto da 14milioni e 500 mila di euro a cui l’azienda spera di poter aggiungere quel 2% di adeguamento Istat che non è stato riconosciuto ancora nell’attuale piano finanziario. La questione era stata sollevata già la settimana scorsa durante una quinta commissione.

Ad illustrare il contratto l’assessore Fabrizio Taranta e i quadri di Asm. Taranta ha fatto il punto soprattutto sulle strategie di rilancio che il Comune ha messo in campo, soprattutto il rinnovato rapporto con i comuni del territorio. Fabio Ianni, responsabile dell’organizzazione della partecipata del Comune è invece entrato nei dettagli tecnici del contratto. Dai consiglieri sono arrivati spunti e istanze, soprattutto in merito alla pulizia delle periferie, sullo sfalcio dell’erba ma anche sulla pulizia dei punti più critici del centro storico.

“L’Asm si trova a lavorare in una situazione particolare: copre un territorio vasto, caratterizzato da bassa densità demografica”, sottolinea Livio Vittorini. “Un operato, quello dell’Asm, elogiato da più parti nella seduta della commissione: ora l’obiettivo, attraverso uno sforzo ulteriore, sarà quello di avere una pianificazione e una programmazione precisa e puntuale delle attività, nel centro storico ma anche nel territorio delle frazioni”.

Asm fa quel che può con i mezzi dati. Paolo Romano, di L’Aquila Nuova ha chiesto in tal senso di incrementare i servizi di Asm, per dargli più potere e maggior margine di manovra economica ed operativa, ad esempio affidandogli anche la cura di tutto il verde pubblico, quindi anche i parchi monumentali e i cimiteri che ad oggi non sono di competenza di Asm e ha chiesto di adeguare il contratto di servizio di quel 2% di adeguamento Istat in modo da recuperare altri 300mila euro.

Le stesse schede tecniche individuano del resto una serie di azioni strategiche necessarie per rafforzare l’attività dell’azienda: dalla riattivazione del servizio di raccolta degli ingombranti alla realizzazione di entrambi i centri di raccolti previsti in zona est ed ovest. In commissione la discussione si è articolata in particolare modo su alcune vicende del centro storico. A far storcere il naso il dato sulla pulizia della riqualificata Piazza Regina Margherita: dall’inaugurazione ad oggi ben 22 passaggi sono stati necessari per riportare la piazza a condizioni quanto meno accettabili e Asm sta ancora cercando i solventi, costosissimi, più adatti per garantire la pulizia senza compromettere la pietra. Ovviamente la preoccupazione è che un simile dato debba essere moltiplicato per tutta la nuova pavimentazione in pietra bianca del centro, o perlomeno nelle zone più frequentate. Su San Bernardino Ianni ha spiegato che la pulizia, il lavaggio, è previsto con cadenza bisettimanale che viene portata a una settimana o addirittura ogni tre giorni durante la Perdonanza. Farlo ogni giorno è possibile ma il costo è di levare servizi altrove: questo è il vero punto su cui è chiamata la consiliatura a discutere nei prossimi 5 anni. Tutte le cose sono migliorabili ma bisogna anche arrivare a soluzioni concrete che vadano oltre la mera denuncia del degrado in questo o quel punto perché la coperta è corta.

Il contratto di servizio. E’ articolato su diverse schede, dalle quali si può avere un quadro delle complesse attività di Asm. 

Raccolta stradale dei rifiuti urbani differenziati e del secco residuo

La raccolta stradale, quella nei cosiddetti cassonetti, è attività ormai marginale ma rappresenta comunque ancora il 30% dell’attività di raccolta di Asm. I cassonetti sono di colori diversi, ben noti al cittadino. La frequenza di svuotamento varia a seconda del rifiuto e il tasso di riempimento è dell’80/90%, un po’ inferiore per il vetro che è al 60%. 

Il porta a porta
Seconda scheda tecnica sulla differenziata. Asm, ha spiegato Ianni, grazie agli accordi conclusi con i comuni del territorio, sta sperimentando e monitorando altre modalità di raccolta. L’obiettivo è spingere la differenziata che nel Comune dell’Aquila è ancora troppo bassa, ma ovviamente c’è bisogno di investimenti. Una sperimentazione in città dovrebbe partire nelle frazioni di Roio, ancora servite dai cassonetti. Comune e Asm hanno approvato in primavera un progetto, che prevede un investimento complessivo di circa 19 milioni di euro, per digitalizzare il sistema di raccolta e arrivare all’applicazione della cosiddetta ‘tariffa puntuale’. Il porta a porta ha un costo ma garantisce, dati degli altri comuni alla mano, anche una maggiore efficacia. Al momento le utenze servite dal porta a porta sono 5124 abitazioni private, 4318 condomini, 4662 appartamenti del progetto C.a.s.e. e centinaia di utenze non domestiche tra scuole, uffici, ristorazione e commercio.

Raccolta indumenti usati e olio vegetale esausto

Raccolta medicinali e pile. Diciassette i contenitori allocati presso le farmacie e svuotati una volta al mese. Cento invece i contenitori per le pile posizionati presso uffici, centri commerciali e altro, anch’essi svuotati una volta al mese o su chiamata.

Gestione del centro di raccolta di rifiuti. Tra le incombenze di Asm, la gestione del sito di Bazzano che consente agli utenti di conferire in modo differenziato rifiuti urbani e speciali.

Igiene urbana. Nota dolente in uno dei comuni più grandi d’Italia per territorio. Diversi i servizi connessi. Innanzitutto lo spazzamento e lavaggio delle aree pubbliche. E’ effettuato manualmente o in modo meccanizzato sulla rete stradale comunale e prevede, in taluni casi, anche il lavaggio della rete stradale all’interno delle aree più centrali del centro storico. C’è quindi lo svuotamento dei cestini, ma si occupa anche della pulizia del mercato di Piazza d’Armi e degli altri mercati quando vengono svolti, a piazza Duomo, a Paganica e Preturo. Si occupa inoltre della raccolta di rifiuti all’interno della riserva del Vera.

Sfalcio dell’erba. Asm si occupa anche dello sfalcio dell’erba sui cigli stradali. Sta per approdare in consiglio comunale anche la convenzione con la Provincia dell’Aquila per occuparsi dello sfalcio delle strade provinciali che attraversano il territorio comunale.

Pulizia caditoie e fontane. Asm provvede periodicamente al servizio di pulizia delle fontane pubbliche e delle caditoie stradali.

 

 

Print Friendly and PDF

TAGS