Asbuc Paganica: “Decine di volontari al lavoro per ripulire il letto del torrente raiale”

di Redazione | 18 Marzo 2023 @ 16:33 | ATTUALITA'
Asbuc
Print Friendly and PDF

L’AQUILA  – Una bella, intensa e proficua giornata di volontariato e senso civico, quella che si è svolta oggi a Paganica, frazione del Comune dell’Aquila: decine e decine di cittadini, armati di guanti, sacchi e falcetti, rastrelli e decespugliatori, hanno ripulito da sterpaglie e rifiuti quasi un chilometro del letto del torrente Raiale, che scorre nel centro abitato, dal ponte del Mulino a quello appena realizzato all’imbocco del percorso pedonale che porta al Santuario della Madonna d’Appari.
Fautore dell’iniziativa, come da anni avviene, l’Amministrazione separata degli Usi civici (Asbuc), di Paganica e San Gregorio. A rimboccarsi le maniche, semplici cittadini, gli atleti e i dirigenti del Paganica Calcio, i volontari del gruppo Alpini e della Protezione civile di Paganica. I lavori proseguiranno anche domani. 
“Siamo davvero contenti della grande partecipazione – commenta il presidente dell’Asbuc, Fernando Galletti -. Il nostro come sempre vuole essere un messaggio inviato, con gli atti concreti, con il sudore della fronte, e non con le parole, volto a far crescere il senso civico, l’amore e la cura per il territorio e i beni comuni”.
 
La rimozione della folta vegetazione, all’altezza delle numerose dighe spontanee, ha consentito anche di aumentare la portata del torrente, con l’acqua che ora scorre più abbondante e più velocemente. Nota dolente è però che anche quest’anno sono stati riempiti di immondizia numerosi sacchi. “Purtroppo per qualcuno, una minoranza, per fortuna, i fiumi sono considerati una sorta di pattumiera a proprio uso e consumo. E invece il Raiale rappresenta un importante biglietto da visita della nostra comunità, ad esso è adiacente il primo tratto del percorso pedonale, frequentato da tanti cittadini e anche da un crescente numero di turisti, e che conduce al nostro santuario, un gioiello architettonico e artistico del XIII secolo, dichiarato monumento nazionale nel 1902. È stato bello dunque questa mattina, molto presto, ancor prima che cominciassero i lavori, trovare già qui una cittadina che stava raccogliendo i rifiuti. Sarà grazie anche a persone sensibili e civili come lei, che a Pasqua il nostro Raiale si mostrerà nel suo aspetto migliore, quando passerà la processione”, conclude Galletti
 

Print Friendly and PDF

TAGS