Artisti per la pace in Ucraina, le opere

di Laura Di Stefano | 21 Marzo 2022 @ 06:30 | CULTURA
ucraina opere
Print Friendly and PDF

UCRAINA – Dalle copertine dei maggiori quotidiani alle mostre, dalle opere su Instagram e gli NFT, all’artigiano che rimodula pezzi di artiglieria per realizzare dei fiori, tutto il mondo dell’arte si è mobilitato per dare supporto alla pace in Ucraina.

L’artista Yoko Ono ha realizzato un progetto che permette l’esposizione, ogni giorno alle 20.22, per tutto il mese di marzo, della scritta digitale “Imagine Peace”, a caratteri cubitali, nero su bianco, nelle città di Los Angeles, Milano, Berlino, Melbourne, New York e Seoul, facendo il giro del globo. 

Mimmo Paladino, esponente della Transavanguardia, sulla la copertina del Corriere della Sera del 3 marzo scorso, ha realizzato un opera di reinterpretazione della bandiera Ucraina, facendo esplodere il colore, identificandoci nel dolore di un popolo oppresso dalla guerra e nelle parole del suo presidente: «Abbiamo dimostrato che siamo come voi. Mostrateci che siete al nostro fianco, che non ci abbandonate».

Sulla stessa scia il settimanale TIME ha fatto realizzare la copertina di questa settimana dall’illustratore Neil Jamieson, riportando la frase del presidente in cirillico: “La vita vincerà sulla morte, e la luce vincerà sul buio“.

Sul quotidiano Domani, del 6 marzo, è stato pubblicato un progetto del curatore e critico Demetrio Paparoni, il quale ha raccolto le opere di 14 artisti: Antony Gormley, Robert Longo, Francesco Clemente con un cuore sanguinante. Peter Halley scrive “Words. Not War” su due bande giallo e blu, Monica Bonvicini “I cannot hide my anger”, nero su bianco. Andrei Molodkin, artista russo che vive in Francia, espone la scritta PUTIN rosso sangue, che di sangue imbratta l’intera pagina. Oleg Kulik, Julian Schnabel  con il motto “Nothing to be gained here”, scritto da  a pennello sopra la cartina dell’Ucraina. E altrettanti lavori, che inseriamo in galleria, degli artisti Anish Kapoor, Jason Martin, Mimmo Paladino, Paola Pivi, Joana Vasconcelos, Wang Guangyi. 

Il MAXXI,  in collaborazione con la Fondazione Imago Mundi, ha scelto di realizzare la mostra fuori programma “UKRAINE: SHORT STORIES. Contemporary artists from Ukraine”, testimonianza di vicinanza alla popolazione e alla comunità artistica del Paese colpite dall’aggressione di Putin”. La mostra sarà al Corner Maxxi di Roma dal 10 al 20 marzo 2022 con un biglietto simbolico di 5 €, i ricavati andranno al fondo umanitario di UNHCR, Unicef e Croce Rossa.

L’artista Pan_danil, dopo un appello sui social, ha dato inizio a una raccolta di nomi di NFT artist ucraini e delle loro opere d’arte reperibili e acquistabili sulle piattaforme Rarible, Foundation e OpenSea.

Lisovenko Ekaterina, artista ucraina, continua il suo lavoro esponendolo sulla sua pagina Instagram, le sue opere si appellano al mondo, mostrando dichiarazioni politiche da un lato e un dolore intenso e intimo dall’altro.

Viktor Mikhalev, invece, è un fabbro e artigiano ucraino, da 8 anni cerca pezzi di artiglieria, come elmetti, mortai o proiettili, per creare opere d’arte, in particolar modo composizioni di fiori, soprattutto di rose, simbolo della sua città, Donetsk.

 

 


Print Friendly and PDF

TAGS