Arteparco, la nuova opera di Valerio Berruti

di Laura Di Stefano | 05 Agosto 2022 @ 08:45 | CULTURA
ARTEPARCO Liberi tutti, Valerio Berruti, photo Luca Parrisse
Print Friendly and PDF

PESCASSEROLI – Il progetto di Arteparco si amplia con una nuova opera site specific di Valerio Berruti. 

Nasce nel settembre 2018 il progetto “ARTEPARCO”, attraverso il quale sono stati coinvolti alcuni dei più importanti artisti contemporanei per concepire interventi e opere site-specific nel più antico parco d’Italia, il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Ogni anno un artista sarà chiamato per immergersi nella natura incontaminata e creare delle opere che dialoghino con essa. Le opere attualmente sono visitabili attraverso i sentieri C1 e C2 del comune di Pescasseroli.

Nel 2018 la prima opera “esposta” fu “Animale – Vegetale (Il Cuore)”, di Marcantonio

ARTEPARCO_Marcantonio_Animale-Vegetale-Il-Cuore_05-1920

Nel 2019 fu la volta di Matteo Fato con “(specchi angelici)”

ARTEPARCO-Matteo-Fato_installation-view-22_ph-Piero-Calvarese1920

Il 2020 ha visto la nascita dell’opera di Alessandro Pavone, “Un tempo è stato”

ARTEPARCO-Alessandro-Pavone-Un-tempo-è-stato_ph-Valentino-Mastrella_05-1920

Nel 2021 è nata l’opera di Sissi, “Radicorno”

ARTEPARCO-Sissi

Il 23 luglio 2022 è stato presentato il nuovo progetto, si intitola “Liberi Tutti”, ed è una fiabesca scultura di Valerio Berruti, nella quale si scorge il volto di un bambino che gioca a nascondino tra le rocce del parco, un’opera in acciaio di tre metri per quattro. 

“Sono molto felice di essere stato invitato a realizzare un mio lavoro site specific per ‘ARTEPARCO’, un progetto che sposa pienamente la mia idea di arte e l’intenzione di creare opere immersive che dialoghino con l’ambiente e con lo spazio circostante cercando di esaltarlo al meglio”, ha affermato Valerio Berruti. “La bellezza del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise mi ha ammaliato. Ho trascorso ore a camminare tra la natura stupendomi della bellezza degli alberi secolari, era tutto così meraviglioso da non riuscire a decidere cosa avrebbero potuto fare i miei ‘bambini’ in quel luogo fantastico”.

L’infanzia è uno dei temi concettuali prediletti da Berruti, lavorando su varie tecniche, dall’affresco alla videoanimazione, realizza opere che riportano alla “dimensione sospesa” dei bambini. “Liberi tutti” ne è la conferma. 

ARTEPARCO Liberi tutti, Valerio Berruti, photo Luca Parrisse

 

 

[Immagine in copertina: Valerio Berruti, Liberi Tutti, render a cura di Valerio Berruti]


Print Friendly and PDF

TAGS