Arta e Univaq, un accordo quadro per collaborazioni scientifiche

di Alessio Ludovici | 25 Febbraio 2022 @ 12:22 | AMBIENTE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Sostenibilità, trasferimento tecnologico, formazione universitaria e postuniversitaria. Sono questi gli ambiti dell’accordo firmato stamattina a Palazzo Camponeschi tra il Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura e Ambientale (DICEAA) dell’Università dell’Aquila e l’Arta, l’Agenzia regionale per la tutela dell’ambiente. 

Ad illustrare l’accordo il rettore UnivAQ Edoardo Alesse, il direttore del DICEAA Pierluigi De Berardinis, l’assessore all’Ambiente della Regione Abruzzo, Emanuele Imprudente e il direttore generale dell’Arta Maurizio Dionisio, e i referenti del progetto, professori Bernardino Romano e Alessandro Marucci e la ricercatrice Marianna Rotilio.

L’obiettivo è quello di promuovere la collaborazione scientifica tra i due enti, sviluppare studi e ricerche sul nostro territorio in un’ottica di sostenibilità ambientale. “Il dipartimento Diceea – ha spiegato il prof. De Berardinis – è da tempo impegnato in azioni di collaborazione con il territorio e questa intesa consolida e concretizza questo processo”. Piena soddisfazione hanno espresso il rettore Alesse ed Emanuele Imprudente. Quest’ultimo ha sottolineato come questa intesa sia “un’occasione unica per condividere competenze tra Arta e ateneo nei settori dell’ingegneria ambientale grazie al know how di Univaq e alle ricadute pratiche su cui lavora l’agenzia regionale”. Concetto ribadito dal direttore di Arta Abruzzo, Maurizio Dionisio: “La collaborazione con l’ateneo si inquadra nello sforzo di creare sinergie e reti tra enti impegnati nella tutela dell’ambiente”.  “Il networking – ha insistito Marucci, coordinatore del corso di Ingegneria ambientale – tra didattica, ricerca e territorio è alla base della riforma dei nostri corsi”. 

Sei, in particolare, gli ambiti di collaborazione individuati che vanno dalla collaborazione tecnica e scientifica alla realizzazione di iniziative comuni di carattere formativo, a progetti di ricerca comuni fino alla collaborazione con il tessuto imprenditoriale. 


Print Friendly and PDF

TAGS