Arischia, che fine ha fatto il Museo del legno? Serpetti: “Va aperto quanto prima”

di Alessio Ludovici | 10 Aprile 2021 @ 06:00 | AMBIENTE
Print Friendly and PDF

ARISCHIA – Sul portale turistico del Comune dell’Aquila, Quilaquila, si trovano facilmente le principali destinazioni e luoghi di interesse della città e dei dintorni. C’è anche, e giustamente, il Museo del Legno di Arischia. Con un piccolo dettaglio. Il Museo, che è anche un centro visite dell’Ente parco Gran Sasso, è purtroppo chiuso. Tanto è vero che sul sito non ci sono né orari né nulla. C’è il link alla pagina dedicata sul sito del Parco. Su questa pagina però la gestione della struttura risulta effettivamente ancora in corso di affidamento. Una vicenda che si trascina da anni questa del Museo del Legno. Più volte è sembrato sul punto di aprire in modo stabile, in alcuni periodi a gestirlo ci ha pensato invece l’ente fiera di Arischia. Poi più nulla. E dire che il Museo è anche molto bello. Un  progetto, ideato dall’Arca, di educazione ambientale e culturale molto importante, pensato ad Arischia proprio per la vicinanza del bosco del Chiarino. Il museo è organizzato come un percorso interattivo nel bosco, nelle sue essenze e nella fauna, ma anche nella storia degli antichi mestieri che lo interessavano, non ultimo la famosa produzione del carbone vegetale. 

“Il museo sarebbe molto importante per il nostro territorio”, conferma anche Elia Serpetti, consigliere comunale dell’Aquila e presidente dell’Asbuc di Arischia. 
“Darebbe molta visibilità al nostro territorio ma se si tiene chiuso non serve assolutamente a nessuno. Siamo la frazione che apre nella zona ovest la vecchia statale 80 che porta al mare, una via molto importante in passato e da far riscoprire oggi anche grazie al museo. Tenerlo chiuso non ha senso e andrebbe aperto quanto prima”. 

E’ emblematico che un museo, e centro visite del Parco, che avrebbe proprio dovuto rappresentare e valorizzare lo storico rapporto tra gli abitanti della zona e l’ambiente, rischia invece di diventare il simbolo di una convivenza problematica tra chi deve tutelare la natura ed il territorio. 

 


Print Friendly and PDF

TAGS